Mario Gomez, il primo dei partenti, il più difficile da piazzare

GomezSampdoriaMario Gomez è ormai destinato a lasciare la Fiorentina. La sua sfortunata avventura in viola sembra proprio arrivata al termine e adesso tocca alla società andare sul mercato per provare a piazzare la sua pedina più importante. Certamente cedere il tedesco aiuterebbe e non poco ad abbattere il monte ingaggi e porterebbe in cassa qualche milioncino anche se al massimo la Fiorentina farà pari con quanto speso due anni fa. Mario Gomez è il primo della lista dei partenti di casa viola perché la Fiorentina di Montella non è la squadra adatta a lui e lui non è l’attaccante giusto per questo tipo di gioco, così si guarda in Germania dove le richieste per lui non mancano e si cercherà di venderlo al miglior offerente per ridurre al minimo le perdite.

Foto: LF/Fiorentinanews.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

15 commenti

  1. Appunto franco4 volevo parlarti a quattr’occhi per farti qualche rivelazione.
    Ma tu, oltre ad essere lobotomizzato (scommetto userai wikipedia per sapere che significa) sei una signorina.
    Non hai le palle mio schifosissimo gobbetto.

  2. Cielo tu sei solo un serpentello pieno di cacca, puzzi cosi tanto che il tanfo mi sta uscendo dalla tastiera.Scommetto che sei anche un avanzo di galera scansato da tutti e tutti.

  3. C’e’ in giro la voce di uo scambio alla pari con Nastasic dello Schalke 04.
    Sarebbe un ritorno molto gradito a Firenze e la Germania riavrebbe il suo panzer.

  4. Franco4, ti ho gia dimostrato in lungo e in largo che tu devi stare lontano dal calcio e da questo sito.
    Poi se vuoi ci incontriamo e ti dico un paio di cose di persona, tanto per farti entrare due concetti in testa.
    Se non ti entrano ti appendo al muro, perche quelli come te purtroppo si fanno ragionare solo a furia di mazzate.

  5. Hai detto bene Luca. E’ ora di cambiare il manico a questa squadra! Montella nei momenti decisivi trasmette insicurezza ai giocatori,e puntualmente rimediamo scoppole clamorose.Nell’ ultimo mese e mezzo abbiamo perso tutto, e questo si poteva evitare.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*