Mario Suarez-Fiorentina. Un matrimonio che non s’aveva da fare

Mario Suarez e la Fiorentina. Un matrimonio che, forse, non s’aveva da fare. Lo spagnolo è arrivato in viola la scorsa estate nell’ambito dell’operazione di mercato che ha portato a Madrid Savic, il vero e proprio pilastro (assieme a Gonzalo) della difesa viola targata Montella. Sousa, seppur adirato per la cessione del montenegrino, aveva in mente di costruire una Fiorentina con due centrocampisti aggressivi in mezzo al campo e, stando alle idee iniziali del mister, uno di questi avrebbe dovuto essere proprio lo stesso Suarez che, però, non ha convinto pienamente il mister che lo ha utilizzato con il contagocce sin dall’inizio della stagione. Qualche scampolo di partita giocato qua e là senza mai riempire gli occhi di Sousa e dello stesso pubblico fiorentino. Poi la grande chance gettata al vento quando venne schierato titolare contro l’Empoli. E’ dopo quella prova anonima che il rapporto con il mister si è irrimediabilmente compromesso. Dopo quella partita Sousa ha tracciato un linea netta tra titolari e non e Suarez si è trovato dalla parte sbagliata dello schieramento…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

4 commenti

  1. Mario Gomez
    Mario Suarez
    Mi pare chiara la logica che delinea i profili non adatti alla Fiorentina

  2. Suarez come acquisto potenziale era un’ottima scelta, i fatti hanno dimostrato il contrario, ma se (X pura ipotesi) avessimo preso Kondongbia, considerate le aspettative che si avevano su di lui, diremmo ben di peggio…e non potremmo neanche venderlo

  3. Disfarsi di Savic senza riuscire non solo a sostituirlo ma ricevendo in contropartita un “panchinaro di ruolo” è stata l’ennesima cavolata di una dirigenza strampalata e incompetente

  4. Mai stato convinto dell’operazione Savic, adesso vediamo quanto ricavano dalla cessione di Suarez per avere una valutazione esatta di quanto incassato per Savic

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*