Questo sito contribuisce alla audience di

Markarian: “Vargas a pezzi, sta passando momento difficile. Ci stiamo sforzando a morte per aiutarlo”

L’esclusione dai convocati per la partita che il Perù giocherà il prossimo 14 agosto contro la Corea del Sud, di Juan Manuel Vargas, ha fatto molto scalpore nel paese sudamericano. Il selezionatore della nazionale, Sergio Markarian, ha spiegato così i motivi della mancata convocazione del giocatore della Fiorentina: “Vargas non è nella lista dei convocati. Ho parlato con lui, perché vogliamo che stia bene e che recuperi, che giochi e si alleni. Stiamo cercando di aiutarlo e sostenerlo, però non è nelle condizioni per essere convocato. Sono successe molte cose che non sono state buone né per lui, né per noi. Ci stiamo sforzando a morte per aiutarlo, per tentare di recuperarlo. Sta passando un momento difficile. E lui è cosciente di questo e se potremo aiutarlo lo faremo, però lo sforzo maggiore deve farlo proprio lui”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

16 commenti

  1. No comment….si è già fatto molto male …troppo male …con le sue mani…inferire non è nelle mie corde…purtroppo ci sono padri di famiglia con stipendi di 1000 euro che si rovinano con alcol …video poker o che altro…non mi fà meraviglia un milionario che si gioca la carriera in sbornie e festini vari…è la vita …!!!

  2. Di chi è la colpa se si è ridotto così ?
    Trovi il colpevole e se la rifaccia … con se stesso, invece di andare a piagnucolare !
    In due anni ha giocato 5 partite guadagnando €mln 2,6, … chiamali $$momenti difficili$$ !!

  3. Ho una cava di peperino…datemelo a me una settimana e vi prometto che lo recupero

  4. Paradossalmente è difficile gestire intimamente il successo quanto la disgrazia; e la dichiarazione ipocrita di solidarietà pelosa del C.T.è la prova di quanto al mondo si possa essere soli,nel bene e nel male.

  5. Coccodrilli Viola

    Sorteggerei una cinquantina di cassaintegrati toscani e darei loro lo stipendio di Vargas. Il peruviano invece lo metterei a lavorare part-time alla Pignone a 1000 euro al mese fino alla scadenza del contratto. Non vedo altro aiuto se non quello di fargli capire finalmente come funziona il mondo.

  6. Basterebbe che si dimezzasse l’ingaggio e ripartisse da una squadra piu’ piccola, non mi pare difficile.. i soldi per sfamare la famiglia in Peru’ ormai credo che gli abbia guadagnati…

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*