Confronto Sousa-Società: Ai dirigenti non è piaciuta la formazione di Roma

Activa Foto
Activa Foto
Su La Repubblica di oggi viene lanciata un’importante indiscrezione riguardante la società viola all’interno. Dopo la pesante sconfitta rimediata a Roma, i dirigenti della Fiorentina si sono consultati a lungo al telefono (Pradè, Rogg e Cognigni) e hanno fissato una riunione con Paulo Sousa per martedì prossimo, giorno in cui la squadra si ritroverà per preparare la sfida di domenica col Verona. Lì si farà il punto della situazione e le parti, nel massimo rispetto dei ruoli, si confronteranno anche sulla formazione scesa in campo all’Olimpico, quella che, al di là di ciò che poi è successo in campo, sicuramente non era la migliore, perché Tino Costa era impresentabile (l’esclusione di Badelj ha fatto discutere parecchio) e tenere fuori Tello è stato un mezzo suicidio (queste le definizioni che troviamo sul giornale citato).
D’altra parte anche Sousa avrà qualcosa da ridire, specie sul difensore che è arrivato rotto e su una panchina che corta era e corta rimane, per l’assenza di Benalouane, appunto, e con un Kone che al momento per il tecnico è pura trasparenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

64 commenti

  1. Pino, ho letto diversi tuoi commenti e credo che sarebbe bene riportare la verità su alcune tue affermazioni i giocatori che ha suggerito Sousa sono Kalinic Tello e Zarate il resto caro amico è frutta della genialità dei vari dirigenti , iha fatto giocare T. Costa al posto di Badelj perché Badelj aveva giocato lunedi e chi è reduce da un mese di inattività c’è il rischio che farlo giocare dopo soli tre giorni possa ricaderci .
    Pertanto ci vuole una bella faccia tosta nel dare la colpa a Sousa quando sappiamo invece chi è il vero colpevole.

  2. Luigi Minardi, ma te ci sei o ci fai , ma te gli ultimi campionati e gli ultimi mercati ove eri su Marte , ma le figure di ***** di questa società con i vari casi Salah M.Savic le promesse fatte da Cognigni per gennaio e te chiedi che Sousa si limiti ad essere d’accordo con le operazioni di questa società ma te sei di fuori come un terrazzo ripigliati e di corsa dammi retta.

  3. La società è troppo timida con i propri allenatori, sembra sempre chieder loro scusa per il disturbo… la società è il bene supremo sempre, non l’allenatore… quando si inverte quest’ordine c’è solo il caos e la perdita di energia (e c’è ancora chi parla del mercato di gennaio)… basta con i soliti vecchi alibi … anche Souza ne ha abusato senza che nessuno in società dicesse niente…. “non siamo noi ad avere da perdere qualcosa, semmai la Roma” non ho capito perché ? o “noi siamo gli intrusi”…anche in questo caso non l’ho capito … sono tutti alibi che dimostrano che Souza è scarico, è in un periodo negativo e la squadra ne risente, quando va sotto si squaglia…. se nessuno in società l’ha capito è grave… tiratelo su per favore, se serve anche con la gru…

  4. A chi è piaciuta la formazione ? I commenti di Souza poi sono a dir poco contraddittori. 1) Io non ho solo 11 giocatori… ( come, non eri a corto di sostituti ? ) 2) ho scelto di far riposare chi ha giocato di più…. (siamo seri… Badlej, Tello, Fernandez tenuti in panca e protagonisti con il Napoli non sono certamente loro ad aver giocato di più )…. Fare il tournover con la Roma ? siamo seri… o è presunzione o qualcuno ha deciso di voler aiutare la Roma… Ok le scelte sono state sbagliate e confesso che il motivo non l’ho ancora capito. Non escludo niente…Quando la società dimostrerà di aver imparato a far stare l’allenatore sotto la propria cappella sarà fatto un notevole passo avanti. Ora siamo nella serie degli allenatori super, che si prestano pure ad essere usati per far la guerra alla società… è assurdo… C’è un problema però… ancora una volta nel momento topico del campionato la Fiore si schianta… e questo ha a che fare con Firenze… la sua energia incarna il bello e il bello è etereo.. non è concreto… Possiamo decidere anche che vincere non è la cosa più importante, ma per farlo bisogna essere concreti, remare tutti dalla stessa parte e spesso fare le carte false, specie dove girano troppi soldi… Secondo me noi non siamo bianconeri… Poi la città ama discorrere, discorrere, discorrere… e quando serve correre è sfinita… Infine gli episodi delle due partite con Napoli e Roma, per noi assolutamente e incredibilmente sfavorevoli mi portano ad affermare che dietro le quinte non tutto è chiaro e che c’è dispersione di energie…

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*