Martorelli: “Nella Fiorentina serve chiarezza. No ad una rivoluzione”

Agente Fifa e procuratore, Giocondo Martorelli, parla del futuro della Fiorentina a ilsitodifirenze.it: “Oggi i tifosi in generale, non soltanto quelli della Fiorentina, amano la chiarezza, una società deve spiegare prima le ambizioni, i programmi e quello che possono fare o non fare. In questo modo nessuno può rimproverargli nulla. È doveroso che la proprietà alla fine del Campionato esponga i programmi. Io non sarei per una rivoluzione completa, perché queste di solito non portano mai a cose positive. È giusto interrompere quei rapporti arrivati al capolinea, ci sono giocatori che quest’anno non hanno avuto un’annata significativa, ma le loro qualità non si discutono. Sento parlare, ad esempio, della cessione di Borja Valero. Mi sembra eccessivo, lo spagnolo è un giocatore importante che può essere ancora utile alla causa”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 Commento

  1. Si deve continuare ancora su u gruppo che sta rendendo al 30 per cento ? Secondo me con una rivluziione metti energia fresca ed imprevedibilità oramai sanno come giochiamo, proprio per questo serve cambio netto di modo di giocare. Il MILAN ha ritardato la rifondazione della rosa post Ancelotti e arrancava. Chiarezza ma senza il Nuovo Stadio il valore della FIORENTINA resta modesto non siamo NE’ CARNA NE’ PESCE fondamentale è il Nuovo Stadio si possono allargare gli ORIZZONTI ED OBBIETTIVI. Se la FIORENTINA fattura 100 milioni a fatica trovo IMPOSSIBILE puntare a grandi traguardi e DV fanno miracoli a portarla tutti gli anni nelle coppe europee. Il calcio è questo senza STADI DI PROPRIETA’ non reggi la concorrenza e lo stare in alto. Vediamo lo strapotere della JUVENTUS con lo stadio di proprietà è alla luce del giorno. Poi capita che sbagli acquisti e rallenti.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*