Matìas, adesso ti manca soltanto il gol!

Vecino Roma 2

Non è da definirsi una vera e propria rivelazione, poiché nelle stagioni passate, quando era in prestito prima al Cagliari e poi all’Empoli aveva fatto ben vedere di che pasta era fatto, ma piuttosto come un talento in via di conferma. Adesso è oggetto di desideri di molte squadre di Serie A, ma Sousa e la Fiorentina se lo vogliono tenere ben stretto. Stiamo parlando di Matìas Vecino, uno dei motori imprescindibili del centrocampo in questa prima parte di stagione della Fiorentina con la sua tecnica e capacità di mantenere ordine in mediana recuperando anche diversi palloni. A differenza delle scorse stagioni al mediano uruguayano manca solo un dettaglio, ovvero il gol. Sono due le reti infatti le reti segnate in rossoblu e altre due quelle in azzurro, e zero per adesso quelle realizzate in viola. Il dato fa strano perché il giocatore è uno di quelli che predilige spesso la conclusione da fuori, e può destare curiosità che tra i suoi colleghi di reparto è tra i pochi a non aver ancora segnato nonostante le grandiosi prove disputate. Sia Badelj, Suarez e Verdù hanno siglato una rete a testa rispettivamente contro Udinese, Chievo e Atalanta, mentre per i compagni che talvolta giocano anche in posizione più avanzata come Borja Valero e Mati Fernandez lo score è a due reti per lo spagnolo, mentre il cileno è stato decisivo in quanto a bonus con l’assist a Gonzalo nella partita contro il Frosinone. Insomma, reti o meno, per adesso la stagione resta comunque da incorniciare per la costanza di rendimento in campo, che se qualora si sposasse poi con il gol sarebbe un’ulteriore consacrazione. Ad ogni modo, in quanto a bonus il centrocampista uruguayano si è rivelato prezioso in quanto a bonus con due assist, uno in campionato per il gol di Blaszczykowski contro il Bologna e per quello in Europa League di Babacar contro il Belenenses a Lisbona.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti

  1. Spero che la dirigenza viola non aspetti un mese prima della scadenza naturale del contratto per rinnovarglielo. Non mi sembra intelligente risparmiare eccessivamente sul l’ingaggio e poi perderli a zero!!! Speriamo che il 2016 porti un po’ di intelligenza nella programmazione della dirigenza viola!

  2. Aumentiamo fin da ora l’ingaggio di Vecino che guadagna quanto una stella di serie C. Corriamo il rischio di demotivarlo e quindi perderlo quando invece con Badelj deve rappresentare il centrocampo viola per molti anni ancora. Capezzi per Badelj e Grassi per Vecino le perfette controfigure, guai chiamarli sostituti, e il centrocampo viola sara’ fortissimo

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*