Questo sito contribuisce alla audience di

Maxi il desaparecido: Biraghi ha convinto Pioli e adesso…

Non è un momento semplice per Maxi Olivera: il terzino sinistro infatti, che l’anno scorso giocava con regolarità, in questa stagione ha giocato soltanto due partite, per un totale di 112′ in campo. L’arrivo di Cristiano Biraghi l’ha relegato in panchina e tolta la prima giornata contro l’Inter, quando l’ex Pescara era appena arrivato a Firenze, non è mai partito dal primo minuto. Meriti del primo o demeriti del secondo? Probabilmente la verità sta nel mezzo: Biraghi conosce bene il campionato ed assicura quasi sempre un rendimento positivo, mentre Maxi non si è ancora ambientato alla Serie A e forse mai lo farà. Panchine su panchina, con la speranza di convincere Pioli a concedergli una possibilità nel prossimo trittico di partite: Benevento, Torino e Crotone, l’ex Penarol spera di poter giocarne almeno una.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti

  1. Supercannabilover

    Scontro tra titani, Biraghi non convince nessuno ma e’ l’ultimo arrivato e ha ancora il bonus fiducia, poi tra un po’ si spolvereranno gli articoli del dopo Alonso e alla fine Pioli sara’ costretto a mettere Sanchez a fare il terzino sinistro! (chiaramente e’ una battuta)

  2. Entrambi sono modesti e scarsi!!!lo hanno dimostrato nelle occasioni in cui sono stati impiegati;il liscio fatto da Biraghi contro il Chievo è imbarazzante;la colpa è di chi li ha presi,naturalmente.

  3. …RIFLESSIONE….se penso che paulo sousa aveva tomovic salcedo de maio l’ultimo gonzalo e maxi olivera…..MA DI COSA STIAMO PARLANDO….squalifica e anche lunga x chi non ha avuto e non ha tuttora la serenita’ giusta x giudicare il passato !!!!

  4. Senza dubbio meriti di Biraghi e demeriti di Maxi perchè nelle molte occasioni avute ha sempre demeritato.

  5. Olivera è una delle più grandi nefandezze del mago panzone e dei suoi compagni di merende.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*