Merlo: “Sousa non ha stimoli e lo spogliatoio se n’è accorto. Straordinario sarebbe attacco Babacar-Chiesa-Bernardeschi”

L'allenatore Paulo Sousa in primo piano. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

L’ex centrocampista della Fiorentina, Claudio Merlo, individua in Paulo Sousa uno dei problemi principali della squadra in questo momento: “Sousa non ha più stimoli – ha detto Merlo a Radio Blu – e lo spogliatoio se ne accorge quando questo succede. Io credo che sarebbe straordinario se venisse schierato un attacco composto da Babacar, Chiesa e Bernardeschi, tre prodotti del settore giovanile della Fiorentina. Sarebbe un segnale anche nei confronti del calcio italiano, perché solo in Italia c’è paura a lanciare i giovani”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

8 commenti

  1. Sousa non ha scusanti e deve tirare fuori idee e grinta. La squadra, se vede che il mister è senza stimoli, non deve mollare ma dare il massimo e svegliare l’allenatore. Ci tengono al lavoro o gli piace solo prendere i soldi? Ora si stanno comportando da menefreghisti e smidollati.

  2. È vero quello che dice Merlo, Sousa non ha più entusiasmo e lavora solo per contratto, sarebbe da cacciare.Ok. Dovremmo però analizzare le ragioni del suo cambiamento. Visto come sono andate le cose con i precedenti allenatori. Se si prende un allenatore ambizioso ci troveremo allo stesso punto in poco tempo, il vero problema è questa proprietà pidocchiosa, incompetente e falsa in tutte le sue manifestazioni.

  3. Merlo mi è molto simpatico, ma non è il confessore di Paulo Sousa. E’ la sua opinione, non suffragata dai fatti, Sousa gli stimoli li ha, tanti, tanti quanti i soldini che incassa a fine mese. Seppure avesse qualche dubbietto, Corvino gli deve stare vicino, tipo rompergli le scatole 24 ore al giorno, e non farlo dormire la notte, così, fosse anche per disperazione, gli stimoli tornerenbbero immediatamente al 100%. Però non esageriamo, col Milan abbiamo fatto una signora partita, con l’Udinese suffiente, con la Roma buona, con il Chievo buona, e discreta anche con la Juve, abbiamo cannato col Torino, e non per il risultato. Non esageriamo, ma di difetti da correggere ce ne sono tanti, col Torino invece, troppi. Il ‘giovanilismo’ a tutti i costi invece non mi piace per principio. Ci vuole buon senso coi giovani, Sousa lo ha e lo dimostra e lo ha già dimostrato.

  4. Se aveste risposto, un commento sull’argomento lo avreste rilasciato e invece…ssssss

  5. Io non vorrei essere ripetitivo ma leggete il contenuto di questo articolo, dove non è uscita una, dico una smentita né dalla società né da altri organi di stampa. Spiega un po’ di cose, Redazione, come mai voi non avete mai preso in considerazione questa voce?
    Ale ci hai già fatto questa domanda altre volte e ti abbiamo già risposto a più riprese. Un saluto Redazione

  6. Maledetto tablet. Ho scritto: e’ arrivato il momento di giocare con gioia e spregiudicatezza. Questo deve essere il nuovo motto della Fiiorentina. Scusatemi per le incomprensibili frasi del mio primo messaggio.

  7. Bisogna fare una rivoluzione mettendo fuori squadra Ilicic, Badelj, Borja Valero, Tatarusanu e Tomovic e far giocati i giovani talenti in forza alla Fiorentina. E se Paulo Sousa non d’accordo licenziarlo immediatamente. Questo allenatore non e’ all’altezza e lo sta dimostrando da gennaio scorso ai giorni nostri. Cambiare e giocare con gioca e spregiudicatezza deve essere il motto della Fiorentina.

  8. Ogni tanto c’e qualcuno e non uno qualuque che parla come mangia senza giri di parole dicendo quello che tutti i veri tifosi viola non possono aver notato da Gennaio scorso Sosa fa il minimo sindacale con altre aspirazioni spero che oltre a Merlo che ricordo con affetto e simpatia per avere sempre dato tutto per i colori Viola, se ne accorga un dirigente preparato e obbiettivo come Corvino non vorrei che fosse un replay gia visto con Mihae e Rossi sempre Viola

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*