Mesto parla della finale di Coppa Italia tra Fiorentina e Napoli: “Accaddero troppe cose inaccettabili. Hamsik dovette fidarsi della versione di chi gli stava accanto”

TifosiviolaOlimpico
L’ex terzino del Napoli Alessandro Mesto ha parlato a Repubblica.it di quanto successo allo Stadio Olimpico prima di Napoli-Fiorentina, finale di Coppa Italia disputatasi il 3 maggio 2014.
3 maggio 2014. Un colpo di pistola fuori l’Olimpico, una curva che chiede di non giocare.
“Eravamo nel sottopassaggio. In venti minuti arrivarono quattro versioni diverse. Qualcuno di noi chiamò amici a casa e si sentì perfino dire che il ragazzo era morto. Pur provando sempre a mettermi nei panni altrui, troppe cose inaccettabili accaddero. Gli incidenti. Il ritardo con cui si giocò. La mancanza di notizie certe. Quando Hamsik andò sotto la curva, dovette fidarsi della versione di chi gli stava accanto. Che un leader vada a calmare la folla, ci sta. Ma dovrebbe essere una sua scelta. Noi fummo messi in una situazione nella quale non era giusto che ci trovassimo. Non fu Marek a dire: vado io”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti

  1. Ciro Esposito non fu accoltellato, ma sparato, sicuramente ti sei sbagliato a scrivere, ma concordo con tutto quello che hai detto, poi avevo sentito dire che genny a carogna prima della partita stava organizzando insieme a circa 200 Ultras del napoli un attacco ai tifosi fiorentini che comunque fu sventato dalle forze dell’ordine e gli Ultras dispersi…ma mi domando e dico come fare solidarieta con pezzenti del genere che bramavano di scontrarsi con I tifosi viola prima del match. Questi sono delle carogne nate, e non solo genny

  2. quella sera fu lo specchio dell’Italia: le autorità in tribuna a non decidere. Fu tifoso napoletano, aggrappato ad una recinzione a decidere se giocare o no la partita.
    La partita doveva essere secondo me giocata, ma senza nessun valore per l’assegnazione della coppa, in maniera meno eclatante ma anche quella fu una coppa macchiata di sangue. Lo sport è veramente un’altra cosa.

  3. La società viola doveva ritirare la squadra e chiedere la vittoria a tavolino.

  4. MESTO PARLA DI COSE SUCCESSE INACETTABILI? Intanto il NAPOLI ha vinto una partita che in qualunque paese civile non ci doveva essere un vincitore e se capitava a noi PARTITA PERSA A TAVOLINO.PARTITA DELLA VERGOGNA E DEL TEATRO TIPICAMENTE NAPOLETANO…COSA SI LAMENTA MESTO MICA HA PERSO..PARTITA FALSATA IN MANIERA NETTA. COME HANNO FESTEGGIATO. Come tra la Juventus e Liverpool la vincitrice ha festeggiato sui morti… poi si condannano i cori sel la società festeggia un trofeo vinto dopo i morti

  5. Mi fate schifo..avete dato retta ad uno dei più grossi delinquenti d italia…napoletani dei miei …io c ero..avevamo con molto sacrificio fatto un mega bandierone che non ci avete fatto esporre x solidarietà a favore del tifoso accoltellato, c avete minacciato che se cantavamo sareste arrivati fino a minacciare i nostri familiari e poi a fine partita ci avete deriso tirandovi giù i pantaloni davanti alla nostra curva…ma di che parliamo…danno la colpa ad hamsik…

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*