Questo sito contribuisce alla audience di

Mihajlovic: “Fiero delle mie origini, sono una persona corretta e se ho sbagliato pagherò: nessun ricorso contro la mia squalifica”

Il tecnico del Torino Sinisa Mihajlovic, durante la consueta conferenza stampa della vigilia contro il Napoli, è voluto tornare a parlare dei cori dedicategli la scorsa settimana durante il Derby di Torino. Queste le sue parole: ” Non credo che ci sarà alcun ricorso da parte della società per la mia squalifica. Io sono così, dico sempre quello che penso perché sono una persona leale e trasparente: non porto mai rancore verso nessuno, allo stesso tempo però non sono neanche ipocrita e se vengo provocato rispondo sempre. Chiedo scusa a tutti per quello che ho fatto, ho capito che ho sbagliato. Rimango comunque della mia idea: sono orgoglioso di essere serbo e zingaro di m…., sto bene in Italia e sono molto contento di vivere qu con la mia famiglia. A differenza di gran parte delle persone io mi guardo allo specchio con serenità tutti i giorni”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 Commento

  1. Non ho ben capito cosa c’entrino i serbi con gli zingari. Ci sono zingari in Serbia, ma sono anche in Italia e altrove. Che fa, un algerino chiama, noi italiani, zingari, perchè da noi ci sono gli zingari e da loro no? Ci mancherebbe altro che non fosse orgoglioso di essere serbo il Mihajlovic. I Rom non c’entrano nulla con l’Europa, e con i paesi europei, ma sono qua da secoli, anche se non ne hanno mai voluto sapere, come comunità, di adattarsi alle regole e ai costumi dei nostri paesi. Ma fanno comodo a MOLTI, e in NUMEROSI MODI, e quindi sono ancora qui, e in Serbia… oltre che altrove. E’ come quando i tifosi della Juventus, che tifano per una società controllata da una famiglia ebraica, chiamano ebrei i fiorentini solo perchè a Firenze ci sono ebrei. Non sanno neanche chi sono e come si chiamano i tifosi juventini…

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*