Questo sito contribuisce alla audience di

Milenkovic blinda la difesa ed il sogno continua

Nikola Milenkovic, difensore del Partizan Belgrado e candidato a vestire la maglia della Fiorentina nella prossima stagione, col recente 1-0 col Vojvodina in casa, continua a seguire a braccetto la Stella Rossa a quota 43 per la corsa allo scudetto serbo e alla qualificazione ai preliminari di Champions League. Il classe 1997 anche in quest’ultimo match è restato in campo per tutta la partita, contribuendo a far restare intonsa la sua porta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

7 commenti

  1. Stefano54…
    Dire un buon giocatore non si giudica se gioca al Partizan o Man City è un po’ azzardato!

    Vorrei ricordarti che il Man City gioca in un Campionato nettamente superiore, con obiettivi superiori, con pressioni maggiori e soprattutto con giocatori fortissimi in ogni reparto (e quindi più concorrenza)!
    Per non parlare del fatto che aver già fatto un’esperienza fuori dal paese d’origine può solo avvantaggiare l’adattamento in futuro!
    Savic non era un Titolare al Man City ma neanche un panchianaro fisso!

    LA PROVENIENZA CONTA!

  2. Un buon difensore non si giudica in base alla squadra in cui gioca perciò Manchester City o Partizan è lo stesso d’altronde 5 milioni di euro non son pochi l’importante è averlo preso e non fare la storia del suo omonimo che addetti ai lavori era già nostro e poi firmò per la Lazio.

  3. Moderazione. Per fortuna che tutti I fiorentini non la pensano come voi vari ………/fiorentinanews etc etc

  4. Prendete Bonucci Chielini Barzagli e andate a tifare juventus.

  5. La forza di una squadra parte dalla difesa, e’ in questo reparto che vanno fatti gli investimenti piu’ importanti se non si vuole perdere partite gia’ vinte come e’ successo piu’ volte questo anno…tenere Sanchez a fare il difensore mostra le gravi carenze presenti in quel reparto e la fallimentare campagna acquisti con giocatori da serie c

  6. Mau 46…
    Mi trovi d’accordo con quello che hai scritto.

    Milenkovic è un buon difensore che in prospettiva potrà essere migliore di Nastasic e Savic, ma è ancora troppo giovane e acerbo per fare il titolare in Serie A in una squadra come la nostra.

    Bisogna inserirlo gradualmente, come è stato fatto con Nastasic, senza bruciarlo.

    Tonelli lasciamolo dov’è, non è da Fiorentina.
    Vicino ad ASTORI ci vuole uno con esperienza Internazionale (Musacchio?
    Gabriel Paulista? Howedes? N’Koulou? Felipe del Porto? ecc.) altrimenti tanto vale fare un sacrificio per rinnovare Gonzalo.

    Un altro caso stile “si cede Marcos Alonso e Manuel Pasqual e ci si presenta con Milic e Maxi Olivera” non lo accetterò.
    Ci vuole rispetto per la tifoseria e per chi paga.

    P.S.
    L’arrivo di Savic non può essere paragonato a quello di Milenkovic perché il montenegrino arrivò dal Manchester City (e non dal Partizan direttamente) dopo due anni lì.

  7. Mi auguro che Milenkovic si riveli quello “strombo” che tutti dicono addirittura migliore dei vari Nastasic e Savic di fresca e gioiosa memoria.
    Non penso però che si possa partire con lui titolare ma inserirlo gradatamente.
    Ci sono comunque due decisioni da prendere: il modulo a tre o a quattro con cui schierare la difesa e l’acquisto di un difensore veramente forte e in grado da subito di schierarsi accanto ad Astori e sostituire o migliorare il pur grande Gonzalo (Tonelli?).
    Astori e uno veramente forte titolari e Salcedo e Milenkovic in alternativa e futuri punti di forza e loro alter ego.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*