Questo sito contribuisce alla audience di

Milenkovic, il difensore del futuro. Ma il presente cosa dice?

Nikola Milenkovic è una delle note più liete del ritiro di Moena. Il difensore serbo, sbarcato a Firenze per cinque milioni di euro, ha stupito fin da subito per la sua abilità con i piedi, caratteristica fondamentale per i centrali moderni. Forte fisicamente e abile nel gioco aereo, l’ex Partizan ha convinto tutti a proposito delle sue potenzialità: d’altronde l’etichetta di nuovo Vidic non viene affibbiata a chiunque e per la Fiorentina la speranza è che quanto si dice su di lui diventi realtà. La tradizione di difensori slavi in maglia viola infatti, promette bene: basta pensare a Nastasic e Savic, che sulle rive dell’Arno si sono formati e sono cresciuti per poi approdare in altri lidi. Lo stesso Stefano Pioli ha speso parole al miele per Milenkovic, che potrebbero far pensare a ruoli importanti anche nel presente e non solo nel futuro. I centrali a disposizione del tecnico gigliato sono tre (Astori e Vitor Hugo oltre all’ex Partizan) e se dovesse continuare così, chissà che non possano arrivare presenze e minuti fin da subito. Un quarto difensore, probabilmente esperto, arriverà: ma il giovane Nikola non ha paura della concorrenza e sta studiando l’italiano da due mesi per capire fin da subito cosa vuole Pioli e come interagire con i compagni di reparto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

16 commenti

  1. Il presente il futuro….vedrete che chi è arrivato nei prossimi anni verrà cercato da grandi squadre…stiamo calmi e aspettiamo il campo, ne vedremo delle belle

  2. È superiore , certamente al momento, a Hugo e quindi è da preferire nelle scelte , in seguito si vedrà ma se il buongiorno si vede dal mattino per il brasiliano otto milioni sono davvero troppi, almeno per il doppio.Mah!e’ proprio incredibile ciò che succede in questa società: gli altri hanno sempre il sopravvento e si subisce sempre sia quando si (s)vende che quando si acquista.

  3. Il titolo e’sbagliato: milinkovic e’il presente, gli altri vedremo..

  4. Speriamo che stavolta Corvino abbia visto giusto.
    Mi piace che in un momento di esodo viola si parli finalmente dei nuovi viola!

  5. Dico solo che il lavoro pagherà e vale per tutti.

  6. Manca la prospettiva di qualsiasi traguardo. Mi spiego: Milenkovic e compagnia vengono qui a scuola, crescono per due anni contribuendo il giusto all’economia sportiva della squadra e il terzo, se tutto va bene, esplodono e vengono venduti. Bene per la cassa, ma il risultato sportivo è sempre una squadra “in crescendo” che non arriva mai al massimo. Una tela di Penelope.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*