Montella contro Messina: “L’episodio con il Sassuolo non era determinante. Con questi discorsi la nostra grande rimonta è andata in secondo piano”

Montella in panchina a Firenze con il Milan. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com
Montella in panchina a Firenze con il Milan. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

Il tecnico del Milan Vincenzo Montella intervenuto quest’oggi nella conferenza stampa di vigilia, ha commentato le parole del designatore Domenico Messina secondo cui, l’introduzione del Var in una partita come quella del Milan con il Sassuolo sarebbe stata determinante. Queste le sue parole: “Questo è un argomento molto delicato. Quando ho letto le parole di Messina ho pensato: è possibile che la partita sarebbe potuta finire in modo diverso o magari 5-3 per noi. Non era un rigore decisivo quello al ’93. Se l’episodio avesse cambiato il risultato, probabilmente qualsiasi campionato sarebbe da rianalizzare. Abbiamo vinto con gol regolari e con grande temperamento. Credo che la nostra rimonta sia stata messa troppo in secondo piano”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti

  1. State rubando di brutto quindi smetti di dire bischerate.

  2. francescobellino

    Gli arbitri tra Sassuolo e Sampdoria ti hanno regalato 6 punti, e lo sai. Almeno abbi la furbizia di zittire, asino.

  3. antonio scozzi

    Sei un voltagabbana e per questo a Firenze non potevi più stare.Ti sei dimenticato quando anche tu gridavi rigore per il Milan, bene il rigore su Niang era proprio rigore per il milan come tu gridavi rigore per il milan. Buffone

  4. Ormai è passato dall altra sponda, quella delle strisciate

  5. Roberto Vinci Guerra

    “Montella, mi sembra essere pari a un dio, Montella, se è lecito dirlo, mi sembra superare gli dei, quando siede di fronte a me e mi guarda ed ascolta incessantemente, quando ride dolcemente, a me misero strappa tutti i sentimenti. O Montella, ogni volta che ti vedo, nulla sopravvive a me di voce, ma la lingua è paralizzata, una fiamma sottile si diffonde lungo le membra, le orecchie tintinnano per un suono loro proprio, gli occhi sono coperti da una duplice notte. L’amore, o Roberto Vinci Guerra, ti è molesto. A causa dell’amore ti esalti e smanii troppo. L’amore in passato ha mandato in rovina re e città beate.”

    E le statistiche lo confermano.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*