Questo sito contribuisce alla audience di

Montella, da fenomeno a brocco in una settimana

MontellaGrasshopperIl giorno dopo la sconfitta contro la Juventus, Vincenzo Montella, che ha sorpreso tutti un’altra volta con la formazione iniziale, è diventato brocco dopo essere stato fenomenale giusto una settimana fa quando a Torino aveva schierato una formazione piena di centrocampisti mettendo così in difficoltà contro la Juve. Il fatto è che la Fiorentina è stata eliminata su un episodio che i bianconeri sono stati più bravi a sfruttare rispetto ai viola, Montella ha provato, come suo solito, a colmare il gap che c’è tra una squadra che veleggia con 30 punti di vantaggio in campionato, con soluzioni tattiche diverse dal solito, che possono piacere o meno, ma non è colpa di un Cuadrado terzino o di un Tomovic a sinistra se la Fiorentina è stata eliminata dall’Europa League. Montella non era un fenomeno prima come non è un brocco adesso, è un ottimo allenatore, giovane, e che sta facendo esperienza nella Fiorentina con l’obiettivo di far diventare questa una grande del calcio italiano e internazionale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

87 commenti

  1. Ora mi chiedo con questi due giocatori in campo al 100% le partite sarebbero finite ugualmente come sono finite????? perchè è vero che con il sè e i ma non si va da nessuna parte ,ma è anche vero che le partite spesso e volentieri le vincono i campioni. Poi per quanto riguarda Spalletti , visto che l’hai nominato è stato esonerato dal campionato Russo dove lo Zenit è la Juve di li, non credo che se ci fsse stato lui cambiava qualcosa . La verità è che per vincere ci vogliono i campioni .

  2. Per Maurizio, vedi il calcio è bello perchè è strano ognuno la vede come meglio crede , però e c’e un però le partite spesso vengono risolte da episodi e dai campioni , io non sò se la tù nonna aveva le ruote , ma sò di certo che siamo arrivati a questa partita senza il nostro vero Fuoriclasse che è Rossi che ti ricordo che pur nn giocando da due mesi e mezzo è ancora secondo come cannoniere e con un Gomez al 50% .

  3. Chi allena la Fiorentina non lo fà x fare esperienza ma x vincere!! e nel caso specifico stiamo parlando di un ottimo mister quindi certi sbagli non sono comprensibili, è il momento di vincere, l’esperienza non gli manca, visto che ha giocato in grandi squadre con allenatori importanti!

  4. La Juve è più forte ma senza un episodio doppiamente sfavorevole ne potevamo ancora parlare perchè non avevano fatto niente di pericoloso fino a quel punto. Montella ha pregi e difetti come tutti (Conte all’andata non ha niente da rimproverarsi?) ma una cosa comincia a piacermi poco: il suo distacco, va sempre tutto bene, sembra che vincere o perdere non cambi niente, sembra distaccato dall’ambiente (La Juve in EL porta sentimenti ben più viscerali), alla fine sembra essere solo di passaggio qui

  5. Caro Dino Pagliari bisogna essere obiettivi. Qualche ragione Maurizio ce l’ha. Si dice che grazie alla GENIALATA del tecnico Asamoah non ha combinato nulla. Purtroppo pero’ anche Cuadrado. Non so chi ci ha guadagnato. Noi non abbiamo segnato. Scusa ma questa eliminazione non mi e’ proprio andata giu’. SFV

  6. dino pagliari facci un gol

    Mamma mia MAURIZIO, mi fa fa effetto pensare che ci siano tifosi viola come te, che magari si siedono accanto a me allo stadio, poi ci ho riflettuto, no non è possibile, non sei viola, male che vada non vieni allo stadio sei tifoso (gobbo ?) da tastiera, ciao rosiconcialtrone

  7. per tutti quelli che… se pirlo non trovava la punizione… se gomez e rossi erano in forma….se gonzalo non faceva fallo….se la mi nonna aveva le rote era un frigorifero…diciamo la verita che. la partita l ‘ha regalata il Mago di Posillipo con una formazione che non aveva ne capo ne coda ,stravolgendo una formazione per fare il fenomeno come e capitato molte volte quest anno .Esonero a giugno e LUCIANO SPALLETTI in panca e l unica soluzione,basta essere la nave scuola di questi fenomeni

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*