Questo sito contribuisce alla audience di

MONTELLA DETTA LE CONDIZIONI PER IL RITOCCHINO, MA IL REPARTO DA RINFORZARE NON E’ L’ATTACCO

MontellaJuventusDalla ciliegina al ritocchino. Da Cecchi Gori a Della Valle. Due modi di dire per ammettere che la squadra non è a posto. Il presidente viola ha annunciato un “ritocchino”, durante il brindisi di auguri con la stampa. Al suo fianco Montella, cioè chi il ritocchino ha chiesto. Secondo il vocabolario Treccani questa è la definizione di “ritocco”: intervento con cui, a lavoro ultimato, si eliminano residue imperfezioni; ma anche correzione, emendamento, miglioria, perfezionamento.
E allora vediamo quale potrebbe essere questa miglioria. L’attenzione della maggior parte dei tifosi si concentra sull’attacco. Ma è davvero il reparto offensivo quello che ha più bisogno di un innesto? E’ chiaro che va innanzitutto valutata la variabile Rossi. Solo i medici della Fiorentina possono fare una previsione realistica su quando il giocatore potrà tornare a dare il suo contributo. Una variabile determinante per scegliere le mosse di mercato.
A me sembra che la sterilità offensiva degli attaccanti viola, che poi si risolve soprattutto nell’improvvisa incapacità di Gomez a buttarla dentro, sia determinata da più fattori: stato di forma, sfortuna, scarsi approvvigionamenti dal centro campo. E qui casca l’asino. Alla Fiorentina manca un vice Pizarro e un vice Joaquin. Nel ruolo di regista sono stati provati Badelj, con risultati slow motion disastrosi, e Aquilani, peggio che andar di notte. Sulla fascia destra se sparisce Joaquin c’è il deserto: Tomovic troppo difensivo, Kurtic troppo legnoso, Cuadrado troppo narciso.
E’ vero che mancano i gol. E i gol sono (o almeno dovrebbero essere) il pane quotidiano degli attaccanti. Però di attaccanti la Fiorentina ne ha anche da esportare (magari questi ultimi non proprio di prima qualità). Gomez non può continuare in questa astinenza. Babacar alla ripresa del campionato sarà tirato a lucido. Cuadrado si è ormai infilato la casacca da seconda punta. Marin è ancora un oggetto misterioso, lo abbiamo visto luccicare un attimo in Coppa e subito riposto nel cassetto. Chissà perché. Anche Mati Fernandez pare più a suo agio a ridosso di Gomez che di Gonzalo. E poi ci sarà il ritorno di Rossi.
Certo, se Pradè riuscirà nella magia di sbarazzarsi in un sol colpo di El Hamdaoui, Iakovenko e, soprattutto, Ilicic, si può pensare anche all’acquisto di un attaccante: vendi tre prendi uno. Ma un centrocampista di lotta e di governo, o un esterno destro di genio e regolatezza, o magari tutti e due, sarebbero un “ritocchino” quasi “ciliegina”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

28 commenti

  1. alberto violaclubromama

    Bona quella del vice jaquim,ma se non doveva nemmeno farparte della rosa.

  2. Non è possibile leggere questo sito specie dal tablet perché si aprono pubblicità di continuo e manco si chiudono

  3. Bonolverdicchio e mi sa che ne bevi troppo di verdicchio poi scrivi le bischerate Gomez non l’ha voluto Montella per la cronaca .
    Nazione Toscana anche te di bischerate non sei da meno visto che critichi Montella dimmi in 4 anni che allena chi meglio di Montella ha fatto risultati con le due prime punte ai box per parecchio tempo.

  4. Via montela vogliamo Ancelotti con Ronaldo , sveglia ! Qua bisogna fare un monumento in primis ai tifosi che sono i più presenti in Europa in secundis a Andrea che è il massimo che potevamo avere il resto calci in c*** da Gomez a Montella passando dal duo prade’ e macia , che con i soldi a disposizione an comprato male e vinto 0 . Ciccia

  5. Io non scrivo piu’ sui nostri siti perche’ non condivido alcune critiche verso tutti, sembra un gioco al massacro, ma qualcuno li supera tutti, certo che di gente rincog*** siamo in abbondanza, chi vuol capire capisca.

  6. Cuao Parrizia, tanti auguri di buone feste.

    Comunque io spero arrivi un attaccante e forte, ci manca una seconda punta alla Pepito, con Pepito o Tevez con Empoli, Sassuolo, e genoa la fiorentina ha dominato ma non ha vinto con uno tra Rossi , Tevez , Suarez o Dbybala come seconda punta oppure come prima punta con Cuadrado alle spalle avremmo vinto facie te, ne sono sicuro.
    Vincevamo con uno con caratteristiche simili anche se meno forte, ok anche Quagliarella o uno bravo come lui che ha almeno un altro anno o 2 a buon livello ma senzs Rossi o un vice all’altezza il problema non è Montella ma avere chi la butta dentro, certo Montella se si rimette gli scarpini puó fare al caso ma ha 10 anni in + do Quagliarella che verrà chiamato vecchio da chi leggerà qiueste righe ma ci serve come il pane uno così, forse basta solo questo e cedere
    In prestito lazzerini hegazy, brillante e definitiv mounir iako, lazzari, octavio

  7. Primo: sfoltire, possibilmente seguendo le indicazioni di Montella, il quale non è duttile (va detto). Se uno non lo convince, lo mette solo in assoluta drammatica mancanza di alternative. Così come prima che metta un giovane… Ma siccome il progetto ruota intorno a lui (ed è giusto) non ha senso ignorarne le ubbie. Alla Viola – pur in netto miglioramento rispetto alla modesta fase sett.-novembre – manca velocita’ e un efficace gioco d’attacco. Non mettiamo quasi mai l’uomo in area in condizioni di tirare da posizione decente, oltre a mancare di frombolieri all’altezza (finché Gomez non esce dallo stato di catalessi in cui si è ficcato). La difesa va bene. Io rinforzerei centrocampo a partire da uno meglio in grado fare il classico assist… Il risolutore da solo sarebbe ben prezioso… Ma allo stato non ce lo possiamo permettere e anche potessimo sarebbe difficile trovarlo e indurlo a venire da noi. Rinuncerei alle scommesse, ai giocatori da ricostruire, etc. Meglio nulla che l’ennesima scommessa su cui Montella non crede…

  8. basta ritocchini
    montella vergognati!
    l’unico reparto da rinforzare é la panchina

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*