Montella: “Devo capire chi mi segue e chi no. Diamanti? Problema alla caviglia”

MontellaTorinoVincenzo Montella aggiunge altri tasselli al proprio pensiero e tocca anche molti argomenti interessanti: “L’indirizzo per dove andare ad incidere ce l’ho, la sconfitta di martedì è arrivata malauguratamente in modo inatteso e questo ti fa molto male. Io non stato bravo a rimotivare la squadra perché oggi ha mostrato poca sicurezza, fiducia  e convinzione. Ho visto comunque un primo tempo giocato con le nsotre caratteristiche, ma poca velocità. Qualcosa abbiamo regalato al Napoli, che ha sfruttato la velocità e le ripartenze. Negli ultimi venti minuti la squadra non mi è piaciuta per niente, in questo momento è fondamentale dare qualcosa in più tutti. Credo che anche oggi fisicamente non abbiamo fatto peggio del Napoli, è un discorso di testa, bisogna lavorare su quella e capire su chi si può contare. Senza dare la croce addosso a nessuno, però abbiamo bisogno di energie mentali perché ho tanta determinazione da esprimere e devo capire chi non è in grado di recepirle. In relazione al Napoli, è difficile parlare degli avversari, non ho visto una squadra così nettamente superiore come farebbe pensare il risultato. Per la prima volta dico che mi aspettavo di più sotto l’aspetto dell’atteggiamento, che non mi è piaciuto. Quasi remissivo, non mi ci sono riconosciuto. Come continuare con la gestione giocatori? Alternandoli, capendo chi è in condizione e chi no. Gilardino? Sta bene, credo che possa essere fondamentale quando la squadra gioca negli ultimi trenta metri ed arriva spesso al cross. Quando ha più campo da coprire va più in difficoltà. Kiev? Mi aspetto una Fiorentina diversa dal punto di vista dell’atteggiamento, ce n’è bisogno. Sarebbe un errore pensare solo ad un obiettivo, giovedì però è fondamentale per il nostro finale di stagione ed un risultato importante resetterebbe la testa. Diamanti fuori? Dopo la Juve non si è allenato per due giorni per un problema alla caviglia. Volevo farlo entrare, poi la dinamica della partita mi ha fatto cambiare idea.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

52 commenti

  1. Ma poi in campo ci vanno i giocatori che non sono meno colpevoli dell’allenatore perché magari Montella mette Ilicic falso centravanti e può aver sbagliato ma chi gioca dovrebbe metterci l’anima e oltre e mi sembra invece che parecchi invece neanche sudano .
    Questo per far capire che sarebbe l’ora che anche i giocatori si prendano le proprie responsabilità e da parte nostra come tifosi no dare la colpa solo ed esclusivamente all’allenatore o alla società perché poi in campo ci vanno i giocatori.

  2. Montella ha sbagliato Montella non sa incitare i giocatori ecc ecc questi sono i commenti che leggo , bè è Montella che invece di andare contro Mertens è andato in dietro e ha permesso al giocatore del Napoli di fare quello che ha voluto oppure è sempre Montella che nel secondo gol ha permesso ad Hamsik di battere Neto da solo indisturbato senza parlare del terzo gol , suvvia gente se volete per forza un colpevole allora bè allora prendetevela con l’allenatore che non è immune da critiche.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*