Montella e un azzardo da CINQUANTA MILIONI

MontellaAtalantaAlla fine Montella ha deciso di sacrificare il campionato per puntare tutto sull’Europa League. E’ la teoria che è emersa chiaramente dopo la partita di lunedì scorso e che è stata seguita quest’oggi da La Repubblica, che dà anche una spiegazione di questa scelta. In sostanza l’allenatore della Fiorentina punta a vincere questo trofeo, intanto perché alzare una coppa è sempre importante e prestigioso (non dimentichiamoci che i Della Valle sono ancora a secco nella loro gestione) e poi, soprattutto per il fatto che vincere l’Europa League porta direttamente nella fase a gironi della Champions League con tutto quello che ciò comporta. Il riferimento è ovviamente agli introiti che finirebbero nelle casse viola: 50 milioni di euro in più, mezzo bilancio societario. Davvero un bel colpo se riuscisse. Ma intanto c’è da eliminare la Dinamo Kiev.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

29 commenti

  1. … intanto c’è da vincere domani, poi c’è da passare il turno di semifinale e poi ci sarebbe da vincere anche la finale…, a me sembra un’azzardo puntare tutto sulla EL e rischiare di perdere anche il 6 posto per accedere alla prossima EL. Poi ovviamente spero che vada come dice Montella.

  2. ….Perfetto!…Dopo ti tocca il Napoli e sorti in semifinale. Vorrei sbagliarmi, ma la sento così.

  3. Arcibaldo cerca tutto meno che la fortuna , perchè quella noi non sappiamo cosè.

  4. Pensare di vincere la EL è fantascienza!Secondo me se una squadra Italiana la deve vincere quella è il Napoli, è molto più forte di noi!Ci fosse Rossi allora le cose cambierebbero!

  5. con un po’ di fortuna si va alle semifinali..poi ci si ferma li’.. Napoli Siviglia e zenit sono nettamente piu’ forti di noi.. altro che EL..

  6. Come diceva il mi poro nonno,qui si spera nei toni(e non Luca il giocatore)

  7. Montella se vuole vincere, deve curare molto di più l’equilibrio della squadra e la difesa.
    inoltre basta attaccare coi terzini e centrali, devono giocare buttarsi in area i centrocampisti e poi allenarsi a tirare in porta ed i rigori::::

  8. La MENTALITA’ manca. La GRITA pure. Difetti che il Mister trasmette alla squadra.Montella che guarda la parrtita a bordo campo e’ lo specchio del gioco tric&trac. I sorrisini di bravo ragazzo alle interviste fanno da pari col gioco espresso:prego,si accomodi…Ma la determinazione di Conte/DiFrancesco/Ventura/Mihailovic…non c’e’. Sferzarli a combattere.Minacciarli.Insultarli perfino.Urlare da bordo campo…Macche’…niente di tutto questo.Per cui siamo MOLLI e perdenti.

  9. Se ci crede lui auguri ! Io sono convinto che la El per noi finisce domani.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*