Questo sito contribuisce alla audience di

Montella, la busta numero uno e quella numero due

MontellaGenoa2Si avvicina il derby contro l’Empoli, ma c’è da sbrogliare la matassa dell’impiego di Cuadrado. In questo senso Montella ha a disposizione due soluzioni per il colombiano. Prima di tutte impiegarlo a destra e lasciare Mati Fernandez a ridosso di Gomez, così come avvenuto a Cesena. In questo caso sarebbe Joaquin ad essere fatto fuori. L’altra soluzione prevede invece l’inserimento di Cuadrado come seconda punta, il mantenimento di Joaquin a destra, l’arretramento di Mati a centrocampo. In questo caso sarebbe Aquilani a pagarne le conseguenze. La restante formazione della Fiorentina sarebbe invariata, con gli stessi uomini e le stesse posizioni della squadra che abbiamo visto nell’ultimo impegno di campionato.

Foto: LF/Fiorentinanews.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

14 commenti

  1. Io lascerei Cuadrado in panchina pronto ad entrare in corsa casomai. La squadra di domenica scorsa mi è piaciuta parecchio

  2. Per far ritrovare il vero Cuadrado deve giocare a destra dove è esploso e dove fa davvero la differenza.

  3. Ciao Franko,
    Su Joaquin io penso che in 7 giorni ce la fa a recuperare x la gara successiva, solo che il ruolo di esterno è faticoso,quindi ad esempio dopo 70 minuti il cambio x uno + fresco tipo Marin (o Babacar o un altro)ad esempio con lo spostamento di Cuadrado a destra sia un idea . Conte in nazionale cambia i 4 esterni perchè il 352 li spreme peró non credo che Joaquin già lo sia, a limite dopo 60/70 minuti potrebbe toglierlo se da segnali di stanchezza ma con l’empoli mi piacerebbe vederlo dall’inizio, a Cesena nn sarà stato il migliore peró mi è parso comunque bene in partita.

    Riguardo ai nomi accostati x l’attacco spero nn ci sia nulla di vero, Babacar probabilmente neanche lo convocano in coppa africa e quindi come prima punta ci stanno lui e Gomez,poi bisogna vedere comunque se prendono qualcuno serve solo se di alto livello .

  4. meglio lasciar fuori aquilani. joakim per il momento non si tocca

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*