Montella: “Richards sta bene mentre Tata non è ancora al top. Non è il momento di pensare a Siviglia”

MontellaPalermo2Montella continua parlando di Salah e della sfida con il Siviglia, ancora però molto lontana: “Ancora non conosco i dati, però di base quando difendiamo bassi corriamo un po’ di più. Negli ultimi minuti la squadra si è un po’ allungata, cercando il secondo gol ma facendo anche molte rincorse lunghe. Salah? Le sue caratteristiche si sposano al meglio con una punta che gli faccia da appoggio. In quel modo diventa imprevedibile. Più cattiveria? Non è un dato sicuro, dipende molto dal metro di giudizio dell’arbitro, sicuramten se penso all’Empoli che ha fatto meno punti di noi, con meno ammoniti, non credo che ci sia una relazione. Potrebbe esseric una relazione con i falli fatti perché significherebbe essere molto aggressivi. Per noi è più difficile fare più falli degli altri perché teniamo sempre la palla. Rischi da cambio allenatore? Possiamo dare poche informazioni tattiche a i calciatori, in questo si tratta di un allenatore all’esordio. Richards? Aveva qualche problema fisico ma ora si è allenato e sta bene. Siviglia? Deve essere uno stimolo ed una responsabilità il fare bene in campionato, non è ancora il momento di pensare al Siviglia. La gente fa bene ed è giusto che pensi a Siviglia e si organizzi per venire. Questo non ci permetterà di fare bene domani se non saremo concentrati. Riposo per Neto? Tata sta sempre meglio, ancora non mi garantisce il 100% perché ha sempre qualche fastidio. In modo molto generoso si è messo a disposizione anche in coppa perché avevamo difficoltà numeriche lì”.

Foto: LF/Fiorentinanews.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

4 commenti

  1. E’ evidente come l’infortunio di Tata durerà fino a fine anno ma é solo la scusa per continuare a mettere Neto in porta. Mi dispiace perchè a me Tata piace tantissimo e non vorrei perdere anche lui l’anno prossimo.

  2. Al di fuori della gara contro la Juve abbiamo un calendario abbordabile e non credo che i giocatori che ha schierato contro il Verona non abbiano sulla carta le qualità per vincere tutte le gare che rimangono, per farlo però devono scendere in campo concentrati ed avere rispetto degli avversari senza la presunzione di poter fare un sol boccone chi hanno di fronte.

  3. vincere si, ma senza far sfinire i migliori. Io vorrei vincere 3 partite sole da qui alla fine…..2 col Siviglia e quella della finale.

  4. Se si pensa già al Siviglia si commette un grosso sbaglio. La testa deve essere solo a domani. La classifica non è positiva e urge invertire la rotta. Dobbiamo vincere.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*