Questo sito contribuisce alla audience di

Montella: “Succede a tutti di avere un calo di rendimento, ma se avessimo giocato con la squadra che avevamo immaginato ad inizio stagione…”

montellaRoma2Periodo molto difficile per la Fiorentina, ma Vincenzo Montella non fa tragedie e soprattutto trova una spiegazione per questo calo di rendimento: “Lo so che in questa parte della stagione stiamo facendo peggio, succede a tutte le squadre di avere un calo di rendimento. Quel che e certo è che avremmo preferito giocare con la squadra che avevamo immaginato ad inizio stagione, ma gli infortuni ci hanno penalizzato. Resto molto soddisfatto per quello che abbiamo fatto finora”.

Foto: LF/Fiorentinanews.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

13 commenti

  1. Ok gli infortunati ma caro montella c’ é dell’altro e vedi di risolvere almeno in parte alcuni problemi uno su tutti la cattiveria agonistica che una squadra dovrebbe avere e che un allenatore deve trasmettere in primis!!!!

  2. ACE sei sempre molto obiettivo e il 99per cento dellevolte ti do ragione ma stavolta concordocon tutti i commenti,che finalmente,trovo affini ai miei pensieri…squadra molle e senza grinta…si facesse giocre la primavera si perderebbe 10 a 0 ma son sicuro che darebbero l anima…la 1ma squadra a forza di sentirsi protetta e senza un allenatore srimolante ,e’ diventata ectoplasmica…basta con queste scuse di partite ogni 3 giorni o coppe varie ecc…non e’ quello il punto,voglio vedere la grinta non le vittorie..quelle poi se vengono meglio

  3. Ho già scritto ieri, in questo momento della stagione anche Montella stà pensando
    ad altro,non puoi dire che si passa sempre un momento di crisi ogni stagione.
    La fiorentina vista in questo ultimo mese è la brutta fotocopia di una squadra
    bella brillante piacevole da vedere e dava l’anima in campo.é vero che ci sono
    mancati Rossi e Gomez, ma le riserve che c’erano penso che erano validi ricambi.
    VEDI VECINO ALONSO WOLSKI MATOS REBIC RONCAGLIA AMBROSINI CAPEZZI ecc.
    BASTA CREDERE nei giovani.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*