Montella, un amore mai nato e un ringraziamento dovuto

Montella Grasshoppers grande

Montella se ne va, dopo la diatriba estiva sulla vicenda era calato il silenzio sino ad oggi. Ora che è a tutti gli effetti un ex allenatore viola ha deciso di prendere la parola e ringraziare tutti, dai tifosi ai Della Valle nonostante le incomprensioni profonde che poi hanno portato al divorzio. La scintilla tra Montella e il pubblico fiorentino non è mai realmente scoccata, forse per il suo atteggiamento freddo e distaccato o chissà per quale altro motivo, ma proprio questo atteggiamento ha permesso ad una Fiorentina devastata dal biennio Mihajlovic-Delio Rossi di rialzarsi e di entusiasmare tutti, fiorentini e non, con un gioco spumeggiante. Tante gioie e tanti dolori con Montella ma gli ultimi mesi non devono cancellare quanto di buono fatto in precedenza. La Fiorentina, la sua Fiorentina, ha portato a casa il record di vittorie in trasferta ed è stata quella di tutta l’era Della Valle ad andare vicina a vincere un trofeo. Certo certe sconfitte, solo a pensarci, fanno ancora male, ma un grazie Montella se lo merita, per aver risollevato la Fiorentina e aver consegnato a Sousa un giocattolino niente male, che il portoghese ha saputo far suo, migliorandolo e facendoci sognare ancora di più. Comunque sia andata, che sia stato o meno amato dall’ambiente non si possono sottovalutare i risultati ottenuti dalla Fiorentina sotto la gestione Montella.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

8 commenti

  1. è stato un divorzio duro, le incomprensioni sono evidenti.
    Montella voleva iniziare il nuovo ciclo tecnico con grandi investimenti per fare il famoso saltino, anzi era 2 anni che “rompeva” su certi temi come la necessità di cambiare volto e gioco alla squadra.

    La società dal canto suo non poteva né voleva accontentarlo, preferendo ripartire con un basso profilo.
    Son state fatte pochissime cose ma azzeccate, grazie soprattutto alla ventata di aria fresca di Sousa e Kalinic.

    Però questo non può cancellare le ultime tre stagioni.

  2. Ma per me è non cerco di convincere nessuno, Montella ci ha fatto tornare voglia di calcio facendo giocare bene la Fiorentina, poi l’appetito vien mangiando e noi siamo dei Buon gustai.Lui dopo un primo anno sorprendente, entusiasmante è rimasto imprigionato delle sue idee senza migliorare , sia in fatto di punti, (si siamo arrivati sempre 4 ma sempre con meno punti) che in fatto di ripetizione degli errori, alla fine ha perso le staffe ed ha sbagliato accusando i tifosi e la società. CON questo grazie Montella e arrivederci

  3. Montella a Firenze aveva fatto il suo tempo. Lui lo aveva capito ed ha cercato il pretesto per interrompere il rapporto alle sue condizioni. Ma aveva sottovalutato i D.V.. Comunque ha risollevato la squadra dimostrandosi un buon allenatore: Certo con le sue fisime.

  4. Montella non è stato mai contestato dalla vera tifoseria ,anzi c’è stato un momento che la proprietà dovette smentire continuamente certe voci sul suo passaggio a squadre blasonate

  5. Bravo Franco48. La penso proprio come te

  6. onora il padre

    Non concordo. Firenze si e’ aperta nei confronti di Montella. “Che calcio sarebbe senza Montella?”, era uno striscione che campeggiava in curva. Senza parlare di dimostrazioni di affetto di vario genere. Se poi Montella ha deciso di non raccogliere queste testimonianze, non firmando autografi ai ragazzini, rilasciando dichiarazioni puntute alle minime critiche, cosa ci possiamo fare?
    Prova ne sia che con Sousa l’ambiente si e’ trasformato…..

  7. Io non ho mai percito che ci fosse scarso amore da parte della tifoseria viola nei onfronti di Montella, anzi, ad onor del vero, alla fine dell’ ultima gara al franchi c’è stato un tripudio da parte dei tifosi nei suoi confronti.
    I 4 spellacchiati tifosi, in compagnia di qualche giornalista in cerca di visibilità,che amano criticare sempre e comunque ci sono sempre stati e sempre ci saranno. Ora stanno zitti zitti ma state pur certi che alla prima sconfitta non tarderanno farsi sentire

  8. Non mi sembra corretto dire che non è mai nato l’amore tra Firenze e Montella, i primi due anni soprattutto tutta la città era soddisfatta dalla gestione di questo tecnico che ha fatto tornare molti tifosi allo stadio, l’amore si è spento secondo me solo dalla fine del secondo hanno con le dichiarazioni ambigue che ha fatto, ma nonostante ciò nella passata stagione abbiamo ottenuto ottimi risultati.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*