Questo sito contribuisce alla audience di

Montolivo: “Fiorentina una palestra per una grande squadra. Resto legato all’affetto dei tifosi, le cose potevano andare diversamente”. Il suo Undici infarcito di ex viola

Riccardo Montolivo, centrocampista del Milan, a Undici su Italia 2 ha parlato anche della sua lunga esperienza alla Fiorentina e all’ambiente di Firenze: “Sono felice della mia scelta, una scelta giusta in un momento difficile, sono contento che la Fiorentina stia facendo un bel campionato e che sia nelle prime posizioni della classifica con merito. Sicuramente Firenze è una piazza difficile, molto esigente, una buona palestra per una grande squadra. Sicuramente a Milano le pressioni sono maggiori, ma anche a Firenze non sono da meno. Alla Fiorentina ho trascorso anni indimenticabili e ricordo con grande affetto i tifosi. Ho bellissimi ricordi, soprattutto legati alle esperienze europee, ricche di soddisfazioni. Una storia che probabilmente è finita male, ma sono molto legato a Firenze. Le cose potevano andare diversamente, ma sono andate così. Il gol in fuorigioco di Klose è stata la più grande delusione, è stata una partita giocata bene e quel gol ha pesato per la qualificazione ai quarti di finale, chissà cosa sarebbe successo se fossimo andati avanti. Abbiamo poi sfiorato la finale di Uefa. Prandelli con me è stato sempre affettuoso, è stato forse l’allenatore che mi ha insegnato di più e mi ha dato di più nel calcio, anche perchè sono arrivato a Firenze agli albori della mia carriera”. Infine nel suo undici ideale inserisce ben sette undicesimi di ex giocatori viola: “Buffon; Maldini, Dainelli, Gobbi; Donadel, Liverani, Ambrosini, Lazzari; Gilardino, Van Basten, Pazzini”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

23 commenti

  1. l unico bel ricordo di tè caro Dormolivo è di quando te ne sei andato!!!!!

  2. Ci sarebbe stato proprio bene in questa squadra, eccome! Peccato. Ma hanno sbagliato tutti e si va avanti

  3. Quella formazione che lui ha fatto e’ ridicola. A me pare solo una ruffianata.
    Ora arriva Balotelli, e tutte le volte che sbagli un passagiio, son c…. tuoi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*