Moriero a FN: “Solo con tanto lavoro si può vincere così a Milano. Non mettete pressioni a Paulo e vedrete che saranno gli altri a preoccuparsi della Fiorentina”

Moriero

Con Francesco Moriero, con Fiorentinanews.com ha parlato anche dell’attualità viola, proiettata però sugli obiettivi stagionali…

Che dire del trionfo viola a San Siro?
“Con l’Inter la Fiorentina ha meritato non solo per il risultato ma per la lettura della partita, la dimostrazione è stata quando la Fiorentina stava vincendo e non ha cercato di affondare ma di far correre gli avversari. Lo puoi fare solo se ti alleni tanto in settimana”.

Qui a Firenze l’entusiasmo cresce e qualcuno pensa anche ad obiettivi di rilievo…
“Le partite vanno giocate sul campo, quello che si dice sui giornali non conta nulla, le chiacchiere se le porta via il vento. Sousa dice che se la può giocare con tutti, sta cercando di creare questa convinzione. Se continua così si potrà ritrovare in alto alla fine”.

Più realisticamente a cosa può puntare la Fiorentina?
“Può lottare per le prime posizioni ma ancora è presto, l’obiettivo deve essere quello di giocarsela sempre, come detto. Credo che siano più gli altri a doversi preoccupare della Fiorentina, che sa di avere una buona squadra e non è partita con l’obbligo di vincere. Si è ritrovata in ballo e ora deve ballare, senza mettere pressioni a Paulo ovviamente. Il campionato italiano è insidioso e si fa presto a rovinare tutto”.

C’è un Moriero nella Fiorentina di ora?
“Parliamo di un calcio molto diverso, un Moriero in questi anni è difficile da trovare. Gente che faccia l’ala, che punti sempre l’avversario per mettere la palla in mezzo ne esiste poca. I Moriero, i Bruno Conti, i Causio, tutta gente che appartiene al passato ormai. Joaquin poteva rappresentarmi ma ora non c’è più”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*