Mura: “Almeno a Firenze per quattro mesi un bel calcio l’hanno visto”

Il caporedattore dello Sport de La Repubblica, Gianni Mura, scrive stamani su quello che ci resta del campionato di Serie A che si è appena chiuso. Nel suo editoriale leggiamo: “Il Napoli è stato l’avversario più forte (per la Juventus ndr) e continuo, in una stagione che ha visto cinque formazioni diverse al comando: Inter, Fiorentina, Roma, Napoli, Juve. Già questo è un segnale positivo”. Poi aggiunge: “Un altro anno, e non è un cortese omaggio di Pallotta. Totti se l’è meritato sul campo, come fanno i campioni, anche non di primo pelo. E per una volta la voce del tifoso e i mendicanti di bellezza sono d’accordo. Non a caso sabato gli unici applausi dei tifosi milanisti sono stati per El Shaarawy, perduto, e per Totti, bramato e mai avuto. A Firenze, almeno per quattro mesi, un bel calcio l‘hanno visto. A Milano no. Da Sacchi a Capello ad Ancelotti la forza è sempre stata lo spogliatoio forte e unito, con giocatori di temperamento. Non c’è più, e si vede. Berlusconi di recente non ne ha azzeccata una (Brocchi incluso)”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 Commento

  1. A noi del bel calcio per 4 mesi non interessa una beata mazza. A noi interessa vincere, anche se con i fratelli monozidioti sono 15 anni che non accade

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*