Mura: “Altro che fortunosa, la vittoria della Fiorentina è meritata. I panchinari hanno deciso la gara”

Babacar in campo a Bologna. Foto: Fiorentinanews.com
Babacar in campo a Bologna. Foto: Fiorentinanews.com
Il caporedattore dello Sport de La Repubblica, Gianni Mura, scrive approfonditamente di Fiorentina-Inter nel suo editoriale pubblicato dal giornale: “Come a Torino, lo scontro diretto per il terzo posto si decide nel finale e grazie ai panchinari: tiro di Zarate respinto, petto di Babacar per il 2-1. All’Inter non è bastato andare in vantaggio dopo 20’ di brividi, i primi: la Fiorentina sbaglia lo sbagliabile, Handanovic para il parabile e quando non para ci pensa Telles a salvare sulla linea un tiro a botta sicura di Ilicic. La Fiorentina torna terza, l’Inter resta quinta, col Milan a ruota. S’annuncia una lotta a quattro, con una Roma rinsaldata da Spalletti. Quanto all’Inter, delle ultime 9 partite ne ha vinte solo 2. Periodaccio. Era tornata in corsa grazie al gran lavoro di Palacio a tutto campo, mentre ancora si fatica a capire l’arrivo di Eder. Forse non l’ha capito nemmeno Thohir, in tribuna nella sua prima trasferta bagnata ma non fortunata. Tribuna da cui mancavano, dopo le recenti polemiche, i Della Valle.
La Fiorentina ha costruito di più, ha messo in vetrina un bravo Bernardeschi, un saggio Borja Valero, regista e goleador (ancora di testa all’Inter, dopo i tre di Verona), ma non pochi piedi ruvidi (Roncaglia, Astori) e molto fumo (Tello). In sostanza, Sousa ha rimodellato la squadra mentre Mancini deve trovare la quadra, come si dice in gergo. Punto di svolta: sempre Telles. Mazzoleni non gli fischia un rigore contro (mani) ma gli dà il secondo giallo per un fallo inesistente. Da lì la partita, già tesa di suo, s’incattivisce e arrivano altri due rossi: a Zarate e, fischiata già la fine, a Kondogbia. Babacar, appena entrato, segna fortunosamente nei minuti di recupero, e questo è un dato di fatto. Ma la sua vittoria è più meritata che fortunata. Trovasse il modo di servire di più e meglio Kalinic sarebbe un bel passo avanti, ma questo vale anche per Icardi e l’Inter: solo Perisic sembra intuirne i movimenti”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti

  1. Giglio di Varese

    Se riuscissimo a segnare prima,le mie coronarie potrebbero subire meno traumi…comunque finché ce la fanno…

  2. Complimenti a Sousa e a tutta la Fiorentina partita giocata con il cuore e la voglia di arrivare in alto BRAVI TUTTI .Crederci sempre abbiamo tutto bravura coraggio e fame .

  3. La nostra rosa è valida. Bisogna credere nel massimo.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*