Mutu condannato per la rissa nella discoteca fiorentina

Mutu condannato ad un anno e due mesi e ad una provvisionale di 15mila euro per l’aggressione ad un cameriere del locale Full Up anche se l’avvocato difensore, Filippo Bellagamba, ritiene la pena commisurata all’autore più che al reato e in base a questo proporrà appello. Erano esattamente cinque anni fa (ottobre 2010) quando Mutu, proprio allo scadere del periodo di squalifica per l’uso delle ormai famose pillole dimagranti ma dopanti allo stesso tempo, stese con un pugno il cameriere 28enne kossovaro del Full Up, reo di aver preteso i soldi delle bevute consumate con alcuni amici all’interno della discoteca, in particolare una bottiglia di champagne, con cui il rumeno sosteneva di avere però un conto aperto. Dopo le discussioni all’interno, il giocatore è tornato dopo 20 minuti ed ha discusso anche all’esterno con il titolare del locale che ha chiamato il cameriere per chiarire l’accaduto. A quel punto Mutu sferrò il pugno e poi un calcio al malcapitato mentre era a terra provocandogli lesioni (medicate all’ospedale e giudicate guaribili in 25 giorni) tra l’orbita e il naso e andandosene poi a bordo della sua Porsche Cayenne e gli amici con cui aveva trascorso la serata. Da li scattò la denuncia e il conseguente processo che oggi, a distanza di cinque anni esatti, ha avuto la sentenza, visto che la vittima non ha mai accettato la proposta di risarcimento fatta dai legali del calciatore (intorno ai 40mila euro). Si chiude così, anche se momentaneamente, una vicenda che fu solo la punta dell’iceberg di una serie di episodi analoghi: durante una festa nel dicembre 2009 in un hotel di lusso della città (il Four Season) Mutu colpì con un pugno un altro avventore libanese (si andò per vie legali anche in quel caso, ma ci fu remissione di querela e estinzione del reato) e, nella primavera successiva, rimase coinvolto in un’aggressione mentre usciva da un locali di piazza del Carmine insieme all’ormai ex moglie e un amico in cui fu arrestato un ex calciante (ma in quell’occasione non ci furono conseguenze per lui).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 Commento

  1. Ma con pena sospesa?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*