Nappi: “Sousa ha le sue colpe, ma anche la squadra..”

L’ex attaccante viola Marco Nappi ha parlato, a Radio Bruno, del momento della Fiorentina e del futuro di Sousa: “Questa stagione della Fiorentina non è del tutto da buttare: i problemi sono reali e ci sono, ma Sousa li conosce e sa dove e come deve lavorare per risolverli. Le colpe di questa crisi? Ovviamente Sousa ne ha molte ma non deve essere il capro espiatorio: anche la squadra ha le sue enormi responsabilità del momento no. Nel calcio moderno i giocatori sono diventati egoisti e pensano molto spesso solo a se stessi. La crisi di Kalinic?  Ovviamente dopo aver giocato quasi un anno di fila, il croato non poteva reggere i ritmi avuti nel girone di andata. Il grande problema della Fiorentina è che la rosa non sembra essere adeguatamente lunga, è inutile negare che non disponga di un altro attaccante che segni tanto quanto il numero 9 nei primi 5 mesi in maglia viola”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti

  1. Nappi ti ricordi quando giocavi te non dirmi che in attacco giocavi da solo come è stato costretto a fare Kalinic a rincorrere palloni pressare il portiere avversario e tenere Babacar in panchina invece di metterlo in campo a dargli una mano la stessa cosa è successa ad Alonso invece di sostituirlo ogni tanto ha preferito tenere in panchina Pasqual un nazionale perché Suarez era vendere? Non poteva tenerlo x far respirare ogni tanto Borja Valero cosa mi dici di Rossi era il caso di mandarlo in prestito? Eccetera ….

  2. Certo che la squadra ha grandi responsabilità, sopratutto alcuni giocatori ritenuti intoccabili da tutti e mai criticati !!!!mi riferisco a Borja e Gonzalo che avrebbero dovuto essere i trascinatori della squadra e invece hanno palesato grossi limiti quegli stessi limiti che hanno caratterizzato la loro carriera ma che a Firenze non si è voluto vedere!!!!paragonarlo ai grandi della Fiorentina è da incompetenti se non da stolti!!!!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*