Nardella: “Con Della Valle siamo una squadra. Firenze la città più avanti sul nuovo stadio. E sul ‘Franchi’…”

Il sindaco di Firenze, Dario Nardella, a Radio Fiesole parla del nuovo stadio alla vigilia della presentazione del progetto della Fiorentina in programma per domani: “Ricorso al Tar di Unipol? Noi andiamo avanti a lavorare, senza problemi, siamo sicuri dei diritti di ciascuno. Domani con Cognigni e Della Valle dimostreremo di essere una squadra, nel rispetto delle leggi, ma stiamo andando avanti. Non avere uno stadio di proprietà oggi in Italia e in Europa è un handicap fortissimo. Firenze oggi è la città più avanti tra quelle che stanno progettando e parlando di un nuovo stadio, tutti vogliamo lo stadio, anche io e non solo da tifoso ma anche da Sindaco. Il vecchio ‘Franchi’ costa almeno 400 mila euro di manutenzione straordinaria. Stiamo lavorando anche su come utilizzare proprio il Comunale dopo che sarà costruito il nuovo stadio della Fiorentina. Certamente rimarrà un centro di grande sport, ci abbiamo portato il rugby, ed è stato un successo, e in futuro porteremo anche altre discipline. Il nuovo stadio servirà anche per abbattere i costi nella zona di Campo di Marte, senza contare che garantirà 1500 posti di lavoro in più”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

18 commenti

  1. Stefano, nel magico mondo di my minipony che hai descritto, ci sono un paio di inesattezze, il 40% delle quote di acf Fiorentina che saranno vendute, faranno entrare fiumi di denaro nelle casse di chi detiene le quelle quote, nn in quelle della Fiorentina. Sul fatto che il cosi detto commerciale, venga edificato e frutti utili per la Fiorentina e nn per i DV, è tutto da vedere. Io sono molto scettico.

  2. Diego Della Valle sbaglia se non si presenta. Sbaglia alla grande.

  3. Stefano lo spostamento della mercafir chi lo paga? La fondazione Della Valle?

  4. Bibi………ma chi sei?????

  5. vortexsurfer

    Bibi, non solo equilibrato, ma anche molto preparato. ?

  6. DRILLO,perché le spese le pagherebbe lo stato? L’unica cosa che sarà in comodato d’uso per 99 anni (ciò che permette la legge italiana e come ha fatto la stessa Juve e faranno anche le altre società)sono i terreni. Il resto,tutto il resto,verrà pagato dai dv e dai loro eventuali soci. Ovvio che poi,quando venderanno la società,questa avrà certo un altro valore,e chi comprerà a sua volta avrà per le mani qualcosa che conta davvero ed è tangibile,non i titoli o i giocatori,che dal punto di vista economico valgono una scorreggina.

  7. Disamine giuste da parte di BIBI e di altri utenti. Il punto però non è lo stadio in se stesso e quando inizierà a fruttare,il punto cruciale è che con le strutture,stadio compreso,che si potranno annoverare tra le proprietà della acf Fiorentina,questa società diventerà molto più appetibile per istituti di credito,investitori sia italiani che stranieri,sponsor vari. Non a caso si parla,sempre dopo che sarà reso tutto in regola con firme,autorizzazioni etc..,di ingressi di nuovi partner commerciali per circa il 40% delle azioni di acf Fiorentina. Ovviamente per avere quelle quote,si dovranno versare dei soldi,tanti soldi,nelle casse della società. Sta qui la possibilità di nuovi investimenti e nuove risorse per la Viola. Non crederete mica che la Juventus abbia iniziato a spendere semplicemente perché incassa di più dallo stadio,vero? È tutto il contesto che conta. Oltre alla non trascurabile notizia che tutte quelle strutture e l’indotto che ne deriverà,porterà circa 1500 posti di lavoro in quella zona. E non è certo poca cosa.

  8. Come sempre in Italia….le spese le paga lo Stato i guadagni le prende il provato. Vedi il supercazzola Marchionne che per produrre la nuova Panda si fece dare il FINANZIAMENTO dallo stato di 800 milioni di euro da i bomba a “babbo morto”, per prendersi l’appoggio fiat….e ora la porta via in polonia salutato ospite.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*