Questo sito contribuisce alla audience di

Scala a FN: “Pioli è incolpevole di questo strano andamento della Fiorentina, i problemi sono ben altri. Ai viola manca un vero fuoriclasse che salvi certe situazioni”

Nevio Scala, ex centrocampista della Fiorentina ed esperto allenatore amico di Stefano Pioli ha raccontato in esclusiva a Fiorentinanews.com le sue impressioni e valutazioni sulla squadra viola vista fino ad adesso, discorrendo su vari argomenti, dagli aspetti societari a guida tecnica attuale e quella passata di Paulo Sousa, suo ex giocatore ai tempi del Borussia Dortmund:

 

La Fiorentina di Stefano Pioli in queste sette giornate ha ottenuto risultati altalenanti. Lei che lo conosce bene, come giudica il suo lavoro in viola fino ad adesso? “Domanda alla quale non è certo semplice rispondere. Conosco bene Stefano, ha fatto benissimo con la Lazio e secondo me anche all’Inter. C’è da dire che a volte l’allenatore conta tantissimo e altre no, dipende molto dalla squadra che si ha a disposizione. Dipende quindi molto da che tipo di campagna acquisti ha attuato la società e che deve essere stata avvallata chiaramente anche dallo stesso tecnico. Non mi sento di dare giudizi affrettati sull’operato di Pioli in viola fino ad adesso, è un amico, e gli auguro di risolvere il prima possibile i problemi che la Fiorentina ha. Ripeto però, non dipende tutto da lui ma anche da altri fattori”.

Per quanto visto fino ad adesso, che opinione si è fatto della squadra affidata e costruita per Pioli con tanti giovani come Chiesa, Simeone, Benassi e altri..? “Il calcio non ci dà il tempo di lavorare. Non solo la Fiorentina, ma tutte le squadre d’Italia vogliono risultati subito. E questo è uno dei grossi problemi che un allenatore può avere, ma non solo in Italia, anche all’estero. Io ritengo che la Fiorentina abbia un vero obiettivo: confermare quanto fatto di buono con Montella e Sousa, ma se i viola volessero mai arrivare quantomeno sul podio serve veramente pazienza e valutare alcune decisioni prese. Io personalmente reputo sempre in modo positivo l’inserimento in rosa dei giovani. La Fiorentina è una squadra giovane, ha perso alcuni giocatori importanti che io ritengo dovessero invece restare a Firenze. La società ha agito in modo diverso e preso altre scelte, le rispetto sempre che sia stato d’accordo anche lo stesso Pioli”.

Pioli è arrivato dopo Paulo Sousa. La Fiorentina è cambiata molto da allora, ma i risultati importanti ancora non sono arrivati… “Mi auguro senza dubbio che Stefano possa fare meglio rispetto alla scorsa stagione con Sousa in panchina. Per risolvere certe complicazioni secondo me però c’è da attendere il mercato di gennaio. Ho visto la squadra solo in televisione, può sembrare quindi facile dire è meglio fare così o in quest’altro modo. Paulo Sousa è stato un mio giocatore e lo conosco quindi molto bene, so che tipo di persona è. A mio parere è stato allontanato anche parecchio frettolosamente. La società ha voluto scegliere Stefano Pioli perché conosceva le sue qualità e il suo modo di affrontare il lavoro da svolgere con la squadra. Ripeto, però non dipende soltanto da lui. Un allenatore da solo non fa niente. Serve stima, fiducia e collaborazione reciproca tra tecnico e società, altrimenti non si va da nessuna parte”.

Si parla tanto di cambio di modulo o di singoli giocatori. Secondo lei quale può essere la chiave di volta per Pioli in questo momento? “Una squadra non è mai formata da un singolo, due singoli o un paio di giovani di valore. La Fiorentina va valutata nel suo complesso, al di là di chi entra in campo nei primi undici domenica, la squadra va valutata dalle capacità che Stefano Pioli è riuscito a trasmettere ai suoi giocatori. Alcuni giovani viola potrebbero esplodere quest’anno, ma non vedo in nessuno di loro il Messi della situazione che può risolvere le gare. Magari dopo un risultato negativo noi ingigantiamo anche un po’ quello in realtà è il momento dei gigliati, ma la differenza deve farla il gioco di squadra, non il singolo elemento”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

8 commenti

  1. Ragionamenti giusti ed equilibrati.
    In sintesi considera molto incerto il risultato che potrà conseguire la viola, considerata la scelta fatta in campagna acquisti.

    Bene i giovani, ma forse … troppi, giusto?

  2. non è vero che pioli è incolpevole, l’accanimento con cui persevera a schierare la squadra con un modulo inadatto e perdente, mi sa tanto di suicidio. lo scorso anno il Supercazzolo insisteva con Tello e abbiamo giocato in dieci tutta la stagione e quest’anno il mister insiste con il centrocampo a due lasciando scoperta la difesa, ma dove vogliamo andare? la squadra di per sè non è piu scarsa dello scorso anno, anno in cui ricordo siamo arrivati ottavi, è semmai mal utilizzata. infine, devo purtroppo ammetterlo, la lontananza fisica e di stimolo dei DV non produce sicuramente effetti positivi.

  3. Commento di scala imbarazzante..la proprietà ha deciso di abbassare gli ingaggi quindi che fuoriclasse può arrivare ? E andrà sempre peggio con questi buffoni..FV

  4. Io penso sia il caso di responsabilizzare un Po anche mister pioli perché è vero che la squadra è quella che è ma anche il mister accidenti ci sta mettendo del suo ,preparazione medio scarsa perché teniamo zero tattica e schemi assenti per cui visto che lui va fiero di aver avallato gli acquisti che inizi a farli rendere .

  5. Niente scuse per nessuno. Ripartire subito.

  6. Con giocatori che Pigliano tra gli 800 e il milione ma dove si vuole andare via. I giocatori Buoni con la B maiuscola a Firenze no verranno mai Più con questa società mettiamocelo in testa. Siamo destinati a campionati mediocri

  7. Mancano semplicemente buoni giocatori sia a centrocampo che in attacco;che cosa ci facciamo coi fuoriclasse?In questa situazione non ce li possiamo permettere.Trovatemi dalla ciotola in su giocatori di livello(non fuoriclasse) a parte Chiesa che possano ogni tanto risolvere qualche partita.

  8. Allenatore mediocre squadra scarsa società assente gli unici a soffrire noi . 16 anni di fumo sembra la tela di Penelope si arriva ad avere una squadra decente e l anno dopo si disfa tutto . Quest’anno però si è toccato il fondo la squadra è scarsa punto e basta l unica fortuna è che ci sono 2-3 squadre ancora più scarse ma noi con questa società siamo anche capaci di finire per lottare per la retrocessione. Devono solamente mollare .

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*