NON CHIEDETEMI DI TENERE I PIEDI PER TERRA

Esultanza Fiorentina Milan

Non chiedetemi di stare con i piedi per terra. E’ una frase fatta, anche un po’ logora, che ripetono a pappagallo tutti quelli che ottengono un bel risultato. La Fiorentina è prima in classifica dopo oltre tre lustri, il campionato non presenta pretendenti annunciate al titolo, l’unica squadra che sembrava aver preso il largo l’abbiamo surclassata a casa sua, perché mai dovremmo stare con i piedi per terra? Vola Viola vola. E con te i tifosi che possono sognare un campionato anomalo, di quelli che da tanti, troppi, anni non capitano più. Magari questo stato di estasi non durerà, ma perché privarsi oggi del godimento? E poi lo sappiamo tutti che dietro “i piedi per terra” in realtà la fantasia del tifoso volteggia per cieli da tempo inesplorati. E così deve essere anche per allenatore, squadra e, soprattutto, società. Mantenere alta la concentrazione partita dopo partita, indipendentemente dal valore dell’avversario, ma puntare al massimo. Occorre essere un po’ strabici. Preparare ogni gara con la lente d’ingrandimento e guardare attraverso il cannocchiale dell’ambizione il possibile traguardo. Ben venga l’umiltà, non la modestia. Questa Fiorentina in questo campionato con queste circostanze può puntare allo scudetto. Ovvia, ho sparato la parola tabù e non me ne dolgo. Al diavolo la scaramanzia, non è quella che dobbiamo temere.

Foto: Paolucci/Fiorentinanews.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

34 commenti

  1. gianni bernardini

    La Fiorentina può vincere lo scudetto; meno difficilmente, può tornare stabilmente tra le grandi (come alla fine degli anni ’50: quando lo era con Milan, Inter e Juve – quest’ultima, forse appena meno di ora la squadra dei frustrati d’Italia -; e “non esistevano” Napoli, Roma, Lazio).

  2. Graziano Giusti

    Vivere alla giornata, o alla settimana se volete. In questi giorni mi godo il 1° posto, e va bene così. Poi si vede. Storicamente parlando la delusione è dietro l’angolo. Sentimentalmente parlando era un momento che aspettavo dal ’98-’99. Il secondo prevale sul primo e dunque forza viola!

  3. Sono dell’avviso che tutte quelle persone che da luglio non fanno altro che infamare la dirigenza viola, domenica dovrebbero organizzare qualcosa pro Della Valle….solo gli imbecilli non cambiano idea!!!!!!

  4. la critica alla rosa consiste nel numero esiguo di giocatori in difesa e nell’abbondanza in attacco . E’ vero che le rose devono essere di 25 giocatori ma noi abbiamo BAKIC ( infortunato e ritornerà a gennaio ) e soprattutto Jako . Al loro posto ci poteva almeno un difensore

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*