Non solo “Roca”, chiamatelo anche stakanovista

sanchez

Ogni allenatore ha un po’ le sue fissazioni, come noto: ebbene quella di Paulo Sousa sembra essere proprio Carlos Sanchez, presentatosi a Firenze in qualità di “anti-Messi” e soprattutto di “Roca”. La roccia, come lo hanno soprannominato in Colombia per sottolinearne le doti in fase di rottura e la capacità di fare schermo davanti alla difesa. Di fatto il centrocampista non ha saltato praticamente nessun impegno ed anche contro il Qarabag, Sousa si è affidato a lui almeno nelle prime fasi, a partita aperta. A Torino ci sarà ancora la Roca, sulla via della “stakanovizzazione”, in mezzo al campo, con i compagni a giocarsi le altre maglie.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*