Nuove sensazioni

EuropaLeagueLogo

Sono quelle che si troverà ad affrontare la Fiorentina in Europa League: il cammino negli ultimi due anni era stato infatti totalmente agevole, almeno a livello di fase a gironi. Sedici punti il primo anno, tredici lo scorso, con un solo k.o. in dodici partite (quello con la Dinamo Minsk in una gara senza valore per i viola): simbolo di una bella dimostrazione di forza e mentalità europea da parte dell’allora squadra di Montella. Che di fatto raggiungeva la qualificazione con qualche turno di anticipo, se non addirittura il primato. Situazione nuova invece quest’anno, dove il girone d’andata del gruppo I pone addirittura la Fiorentina in fondo alla classifica. A dir poco obbligatorio vincere quindi in Polonia tra due giovedì per tornare davanti al Lech Poznan, per poi immaginare magari anche qualcosa in più in un girone che ha visto anche il Belenenses tornare in corsa, grazie alla vittoria di Basilea.

© RIPRODUZIONE RISERVATA