Nuovo STADIO, Fiorentina frena e chiede proroga per la presentazione del progetto. La ricerca di un partner finanziario

La Fiorentina invierà a Palazzo Vecchio la richiesta di proroga per la presentazione del progetto entro questa settimana. L’anticipazione in questo senso viene data stamani da La Repubblica. Con la stessa lettera, il club dei Della Valle chiederà che i termini per la consegna del progetto definitivo dello stadio e della cittadella commerciale siano spostati dalla fine di questo mese al 31 dicembre, sempre di quest’anno.
In pratica, solo a gennaio 2017, per conto della Fiorentina lo studio Rolla di Torino depositerà gli elaborati e i rendering negli uffici dell’urbanistica. Palazzo Vecchio ha già praticamente anticipato che la proroga sarà concessa alla Fiorentina. In questo modo ci sarà la possibilità di dedicarsi alla ricerca di un partner finanziario cui affidare la gestione degli 87mila metri quadrati di superficie destinata al ricettivo (alberghi e centro congressi), dei 77mila metri quadrati di commerciale (supermercati e negozi) e dei 136mila metri quadrati di parcheggi. E i Della Valle intendono sciogliere il rebus almeno entro l’estate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

26 commenti

  1. x Stefano: io facevo riferimenti alla trattativa Fratini-Della Valle, per dei terreni posti nel comune di Sesto Fiorentino, come raccontato dall’ex sindaco Gianassi…..

  2. @ Redazione- Il mio cmmento non era rivolto a Voi che, giustamente, riportate una notizia pubblicata da La Repubblica, ma alla testata giornalistica che divulga notizie basate su un ipotetico e troppo spesso utlizzato “mi risulta”.

  3. BARABBA,i fratellini(come li chiami te)volevano nel caso di Sesto Fiorentino,che il comune trattasse loro come il comune di Udine ha trattato i Pozzo ed il comune di Torino ha trattato gli Agnelli. Cioè terreni in comodato d’uso per 99 anni alla società Udinese calcio ed alla società fc Juventus. In pratica le società devono spendere per costruire e poi mantenere efficienti gli impianti che costruiranno,ma i terreni sono stati donati aggratisse alle due società(nel caso di Udine gli èstato concesso l’uso del vecchio stadio Friuli)perché ritenute opere per il bene pubblico e che portavano posti di lavoro. Tutto qui.

  4. I Giornalisti dovrebbero scrivere articoli con notizie vere e non fantasiose illazioni. Per essere credibili dovrebbero dirci anche da che fonte hanno avuto la notizia.
    Una “fantasiosa illazione” è il tuo commento. Redazione

  5. Come lo sponsor, il difensore fortissimo, il centro sportivo di Incisa (che tutti hanno dimenticato), ecc ecc.
    Domani che verrà….
    Intanto si pigliano secchiate d’acqua in testa allo Stadio bel 2020… e pagare … e zitti anche che altrimenti si offendono!!!!! DV VF

  6. E’ strano, o pare solo a me, aldila di come uno la pensa, che da tempo La Repubblica, ormai diventato Organo ufficiale del PD Renziano, fomenta attacchi, allusioni e discordie velate contro i DDV, solo xche’ si sono discostati dalla linea LeccaRenziana? Della Valle sono imprenditori furbi ed avveduti con un lontano, dico lontano concetto olivettiano, di sentirsi padroni buoni ma guai a contraddirli (come tutti i padroni e non, un po come noi fiorentini), sono permalosi. Ok ma i soldi le mettano loro. Ci si scorda che per il bacino di utenza minimo che da Firenze, hanno fatto l’ultimo grosso investimento con Gomez costato na fraccata di soldi buttati al vento a conti fatti e purtroppo la carta Rossi e’ stata per ora persa. E da questo hanno cominciato a fare una sana ricostruzione,avveduta,della Societa Fiorentina. Da quel momento a Firenze e’ riscoppiata la giostra…Guelfi e Ghibellini. Ma i padroni sono loro e se nn ci sta bene uno nn va piu’ allo stadio. Meditate gente meditate

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*