Occasioni di riscatto, con un occhio al calendario

Quella di stasera a Verona sarà la prima di una serie di partite alla portata per la Fiorentina, passati gli scontri diretti (o esami di maturità, che dir si voglia, con Napoli e Roma). Hellas e Frosinone occupano infatti le zone basse della classifica e impongono un bottino soddisfacente ad una Fiorentina che punta in alto; stesso discorso per quanto riguarda il Lech Poznan, ma lì c’è di mezzo anche l’esigenza di rimettere in sesto la classifica in Europa League. La pluralità di impegni imporrà per altro a Sousa anche una serie di avvicendamenti, con Alonso e Gilberto ancora fuori ed un Blaszczykowski che ha bisogno di tirare un po’ il fiato. Stesso discorso probabilmente anche per Kalinic e per la coppia Badelj-Vecino: per questo ci potrebbe essere occasione di rilancio specialmente per Mati Fernandez e Suarez, due tra i più sotto tono in questo momento. La Fiorentina ha bisogno della loro vera faccia, fino a qui piuttosto mascherata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti

  1. Non facciamo il solito errore di Europa ligue, bisogna giocare con la migliore formazione perchè è necessario vincere

  2. Senza esterni che possono coprire tutta la fascia destra non capisco perché non si giochi con la difesa a 4..
    Oggi vedrei bene
    Tata
    Tomovic gonzalo astori Pasqual
    Suarez vecino
    Bernardeschi a destra e rebic a sinistra con con baba e kalinic punte..
    Una sorta di 424 molto offensivo ma oggi servirà pressare alto e prestare la massima attenzione!!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*