Occhio Sousa, guardati le spalle…

Sousa Carpi 2

Tra scricchiolii e voglia di ridimensionare la faccenda, tra presa di coscienza della realtà (non positiva) e tentativo di fare quadrato, la dirigenza della Fiorentina galleggia tra queste due dimensioni, apparentemente lontane, ma molto vicine. Potranno cercare di smentire lo smentibile ma per Paulo Sousa le condizioni sono molto cambiate e ora il tecnico portoghese deve da una parte dare una svolta alla squadra e dall’altra cominciarsi a guardare le spalle. Perché? Semplice. Perché se le cose dovessero continuare così ancora, sarebbe necessario per i Della Valle cambiare timoniere e il nuovo che avanza ormai ha anche un nome e una fisionomia ben delineata: quel Pioli di cui tanto si parla già da quest’estate. E lavorare con una presenza ingombrante alle spalle non è mai facile per nessuno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

12 commenti

  1. Secondo me bisogna cambiare Paulo Sousa e almeno cinque/sei giocatori che non hanno più stimoli e che arrivano alle partite già spompati. Il problema è serio e non va sottovalutato. Qui c’è di mezzo, ancora una volta, la mano dei preparatori atletici. Sarebbe il caso che la società assumesse un Maestro dello Sport italiano, per verificare se la condizione fisica dei giocatori viola è malandata a causa dell’errata preparazione atletica. Non può essere che siano diventati improvvisamente dei brocchi giocatori come Borja Valero, Gonzalo Rodriguez, Ilicic, Kalinic, Bernardeschi, Sanchez, Babacar, Milicic. Sono questi i giocatori cbe la proprietà deve affrettarsi a cambiare, ma prima va valutata attentamente se i loro malanni siano da mettere in relazione all’errata preparazione atletica. A mio avviso, anche Paulo Sousa deve essere cambiato poichè da gennaio dello scorso campionato ad oggi non è riuscito a dare un gioco alla Viola e non sa più quale ruolo fare interpretare ai suoi giocatori, che in campo sono l’espressione della confusione.

  2. Alessandro, Toscana

    Torna a spalare ….., Gobbo!
    Sousa ha solo una parte di colpa il resto è della società e soprattutto della proprietà!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*