Oddo: “Allenare la Fiorentina un sogno, Sousa un esempio per la mia crescita. Zampano pronto per il salto di livello”

Massimo Oddo, allenatore del Pescara, parla in vista della gara con la Fiorentina a Viola Week: “Il momento non è positivo, soprattutto in termini di classifica. E’ un anno particolare per noi. Sinceramente credo che abbiamo iniziato benissimo, proponendo anche un buon calcio ma i risultati non ci hanno dato ragione. Spesso abbiamo raccolto meno di quanto meritassimo e adesso viviamo un momento complicato. Per noi iniziare il 2017 con un risultato positivo sarebbe importantissimo. La Fiorentina è una grande squadra, sicuramente superiore a noi ma voglio regalare ai miei tifosi la prima vittoria in campionato. Non dobbiamo perdere il treno delle squadre che lottano per la salvezza, quello è il nostro vero obiettivo. La Fiorentina ha iniziato a lavorare praticamente una settimana dopo di noi? Ogni allenatore ha le sue idee. Io credo moltissimo nel lavoro e adesso solo con la fatica ed il sacrificio si può uscire da un momento complicato come il nostro. Inoltre sono arrivati nuovi giocatori e serviva del tempo per farli integrare. La Fiorentina è un’altra realtà, non mi permetto di giudicare il lavoro dei colleghi. Paulo Sousa mi piace perché è un tecnico con idee. Ha portato una ventata di novità lo scorso anno, ho sempre apprezzato il suo lavoro da quando è in Italia. Non sopporto chi dice che il calcio è un gioco semplice e che non si può cambiare, lui al primo anno in A ha mostrato un’idea di gioco inedita e innovativa e i risultati lo hanno premiato. E’ uno degli allenatori ai quali guardo per la mia crescita. Se mi farebbe piacere un giorno allenare la Fiorentina? L’ho sempre vista come una delle grandi squadre del nostro calcio anche da giocatore. Credo sia il sogno di qualsiasi allenatore giovane arrivare un giorno su una panchina come quella della Fiorentina. Zampano pronto per la Fiorentina? E’ un ragazzo interessante, ha grandi potenzialità. Per adesso voglio sia concentrato solo sul Pescara e sulla salvezza, ma credo che il prossimo anno possa fare il salto in una squadra di livello come la Fiorentina”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 Commento

  1. Che delusione con questa dirigenza si parla solo di cessioni dei giocatori più rappresentativi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*