Questo sito contribuisce alla audience di

Ogni estate un capriccio

Verrebbe quasi da dire che non è estate, in casa Fiorentina, senza un capriccio, un caso, una telenovela… chiamatela come preferite. Fatto sta che dal 2014 almeno, ogni stagione estiva è stata caratterizzata da una situazione fastidiosa, scomoda e che ha finito sempre per danneggiare in qualche modo la squadra/società viola. Quattro estati fa c’era un Juan Cuadrado voglioso di spiccare il volo dopo i Mondiali, con la Fiorentina che tentennò quasi tutta l’estate, rimanendo praticamente immobile sul mercato, prima di annunciare, tramite Andrea Della Valle, il famoso “regalo per Firenze” (durato fino al gennaio successivo). Un anno dopo ecco il doppio scotto: prima Salah e poi Joaquin, situazioni diverse ma due calciatori pesanti per l’economia gigliata che se ne andarono dopo qualche bizza. L’estate passata l’ha fatta da padrone Sousa, che però alla fine rimase ma tutto fuorché contento della situazione (e le conseguenze sono evidenti). Ed eccoci al 2017 e ai mesi che si prospettano già come quelli di Bernardeschi: la telenovela rinnovo va avanti già da un pezzo e la soluzione non sembra ancora dietro l’angolo. Di certo c’è che dall’ottimismo iniziale si è passati ad un pessimismo progressivo ma l’importanza del numero dieci fa sì che il club viola sia debba per forza di cose risolvere la grana prima di programmare il futuro. Colpe di una parte, colpe dell’altra, fatto sta che le ultime estati della Fiorentina sono state sempre scandite dall’agitazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

10 commenti

  1. Fuori dalle balle i della valle

    Questi incapaci di circondano di idioti e ci fanno ridere dietro da tutti.
    Toglietevi dalle balle!!!

  2. Va a finire che aveva ragione Caputi, lo hanno già venduto da mesi

  3. Ma cosa aspettano a levare le tende? Che polenta!

  4. Ma non si può vendere DV, insieme a Bernardeschi ?!?
    Due piccioni con una fava … il problema sarà trovare la **** che se li piglia!!

  5. Avete visto? Non ci facciamo mancare nulla, oggi c’è stata la prima de “La Morte del Gonzalo”, un prodotto a due mani, Cognigni/Corvino, e la SQUOLA ACF Fiorentina si dimostra la prima al mondo nel thriller tragicomico farsesco, beh, oggi c’era anche più pathos del solito, non ce n’è per nessuno, COGNIGNI è il Numero 1 del NOIR tragicomico farsesco! COGNIGNI FOREVER! KUBRICK è un dilettante! Ma non era cecchi Gori quello del cinema? Oh i Della Valle sono il top! Memorabile prima de “La Morte del Gonzalo”! Voto meno 10! Ma prima o poi fate fare pure una comparsata al sonnolento Sconcerti, altrimenti ce lo ritroviamo svenuto in qualche angolino, la sua carriera merita un bel cameo, Orsù!

  6. Questa gente ce la menera’ per tutta l’estate con Bernardeschi e poi,quando non ci sara’ piu’ tempo per eventuali acquisti,daranno via il ragazzo.Ormai e’ sistema acquisito,e’ un sistema per prenderci in giro.E se succede la stessa cosa anche con Kalinic….C’e’ un’altra considerazione che vorrei fare: e’ notizia di questa mattina che l’assunzione di Pioli non e’ ancora sicura ed hanno gia’ preso due difensori,ma l’avvallo di questi due acquisti chi l’ha dato,quale allenatore se l’allenatore non l’abbiamo ancora?Quindi il nuovo allenatore dovra’ allenare giocatori non scelti da lui e ci risiamo con i malcontenti.

  7. Dice capo indiano “finché c’è uomo nero , sempre estate nera augh”

  8. Con un organico da MEDIO-alta classifica è normale che quelli più forti vogliano andare via oppure per restare chiedano un cospicuo aumento…da quando abbiamo smesso di essere una big tutto questo è comprensibilissimo

  9. Perché c’è una dirigenza e una proprietà senza programmi e senza spina dorsale

  10. Oh ma sono così belli i thriller made in ACF Fiorentina, ce li invidiano tutti, è una vera e propria scuola la nostra. Certo, ora abbiamo Corvino, quindi la SCUOLA è stata ri-denominata SQUOLA in suo onore, eh ragazzi, abbiamo il miglior regista di thriller dal finale tragicomico dell’Universo, noi abbiamo il COGNIGNI, ragazzi, non ce n’è per nessuno, Cognigni è sinonimo di thriller dal finale tragicomico farsesco. Si parla sempre di Kubrick, ma il NUMERO 1 è COGNIGNI, ragazzi. E la SQUOLA del thriller è COSA NOSTRA, anzi COSA dei DELLA VALLE, e ROBA del COGNIGNI. Dovreste esserne orgogliosi, e invece vi lamentate sempre, non vi piacciono i thriller? DON DIEGO li adora, soprattutto quelli di COGNIGNI.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*