Ora ci si mettono pure i fischi a condizionare Badelj

Il futuro di Milan Badelj è sempre incerto e più tendente all’addio che alla permanenza, quello che resta da chiarire è quando il croato abbandonerà Firenze. La Nazione riprende anche l’ipotesi di un addio prematuro a gennaio, a condizione di un’offerta all’altezza, anche perché i fischi ricevuti al momento del cambio contro la Sampdoria avrebbero scosso il centrocampista croato, che poco altro dovrebbe aspettarsi dopo le uscite del suo procuratore. E chissà che anche questo non contribuisca alla separazione tra le parti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 Commento

  1. Sempre alibi questi giocatori. I fischi ci sono perché le presrazioni e di conseguenza i risultati sono scadenti. E l’impegno è pari allo zero. I fischi sono di sprono a svegliarsi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*