Questo sito contribuisce alla audience di

Panico: “Mencucci e la Fiorentina sanno perché ero polemica. Le mie dichiarazioni hanno fatto crescere la squadra”

Sandro Mencucci e Patrizia Panico. Foto: LF/Fiorentinanews.com

L’addio di Patrizia Panico alla Fiorentina Women’s ha fatto scalpore a suo tempo, se non altro per i toni che sono stati usati dalla più grande attaccante della storia del nostro calcio femminile. Un addio però che non ha lasciato segni nelle viola che hanno condotto una stagione da protagoniste e sono vicine alla conquista del primo scudetto. “Mencucci? Lo sento tutte le settimane – ha dichiarato Patrizia Panico a Viola Week, l’inserto de La Nazione – loro sanno perché ero polemica e forse le mie dichiarazioni sono state propedeutiche visto che per far crescere una squadra c’è bisogno anche di certe affermazione e di dare risalto alla costruzione”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti

  1. Panico Parli cosi perche siamo vicinissime a vincere lo scudetto. Sei una Para c..o e come sempre alla faccia tua Panico

  2. Certo che è merito suo! non avendo una prima donna che voleva avere tutti i meriti le altre si sono ritrovate e hanno fatto squadra e i risultati si stanno vedendo. I “permalosi” come dice “sam” hanno fatto la squadra tirando fuori i soldi e, ad oggi, non li ho sentiti mai vantarsi dei successi della viola femminile, quindi SAMMINO forse è meglio pensare prima di sparare c…..e.

  3. Mah….a me sembra che abbia detto cose sensate senza essere irrispettosa e irriconoscente confermate dalla andamento della squadra nel campionato attuale..che poi il suo addio è le motivazioni siano servite per far crescere la squadra non lo si può provare al 100% ma conoscendo i “permalosi” che vogliono tutti i meriti quando le cose vanno bene facendo fuori chi potrebbe prendersi i meriti e trovano capri espiatori tra i loro dipendenti quando le cose non vanno…

  4. Eh certo, ora va a finire che è merito suo, ahahah!

  5. Ecco un’altra che tutte le volte che apre bocca perde una occasione per star zitta.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*