Questo sito contribuisce alla audience di

Pantani: “Imitare Sousa è come fare le supercazzole di Tognazzi. Ora ho paura che i Della Valle mi soffino Semplici”

Sousa sorridente. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

L’imitazione di Paulo Sousa fatta da Ubaldo Pantani all’interno di ‘Quelli che…’ è ormai diventata un cult. Pantani ne ha parlato con il Corriere Fiorentino: “Imitare Sousa è come fare un misto tra la supercazzola di Amici Miei e le interviste del Barone Liedholm. Non potevo perdermi l’occasione, Sousa è un personaggio splendido da imitare. Sono mesi che lo studio e domenica era l’occasione perfetta per farlo esordire: è una vita che è in Italia, ma ha uno strano modo di parlare. E’ un bell’uomo, sembra un attore de ‘Il segreto’ e ha una voce da doppiatore. Scandisce bene le parole. Temo abbia la sindrome di Liedholm: non imparerà mai l’italiano. Sousa è sulla graticola, ma apparentemente è sereno. Spesso ai microfoni si rifugia in questi artefici retorici che somigliano parecchio alla mitica supercazzola di Tognazzi: sembra un avvocato che prepara un’arringa senza conoscere la lingua con cui parla. A fine trasmissione avevo il cellulare pieno di sms e messaggi vocali di amici viola. Tutti avevano visto l’imitazione e si erano divertiti un sacco: forse perché la Fiorentina ha vinto al 90′”.

Pantani è nativo di Cecina, ma tifa per la Spal in vetta al campionato di Serie B: “Fin da piccolo conservo gelosamente le figurine della mia squadra, ora sogno la A, ma ho paura che proprio i Della Valle ci soffino il nostro allenatore Semplici”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 Commento

  1. …ma dove l’hai trovato questo tipo?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*