Questo sito contribuisce alla audience di

Paparesta a FN: “Tagliavento avrebbe potuto guardare il monitor nel caso di Simeone. Grazie a Corvino, la Fiorentina lotterà per l’Europa”

Gianluca Paparesta, ex arbitro internazionale ed attuale direttore generale del Matera, ha parlato in esclusiva a Fiorentinanews.com, anche in relazione a quanto accaduto dal punto di vista arbitrale in occasione della prima sfida con l’Inter.

Cosa pensa dell’avvento del VAR e come valuta nello specifico gli episodi di Inter-Fiorentina?
“È sicuramente uno strumento molto utile per gli arbitri e per il sistema calcio, affinché si possano evitare incomprensioni ed errori, solo che come tutte le innovazioni ha bisogno di essere testata per eliminare problematiche. Nello specifico Inter-Fiorentina è uno di quei casi dove ci sarebbe stato bisogno ancora di una maggiore esperienza, perché abbiamo visto come Tagliavento in un’occasione ha concesso all’Inter un rigore che lui riteneva ineccepibile, mentre in un successivo episodio, con protagonista Simeone, avrebbe potuto consultare in prima persona il video per cancellare ogni dubbio sulla decisione presa. Comunque resta il fatto che il VAR è uno strumento assolutamente valido”.

Come valuta invece il nuovo corso della Fiorentina, visto che oltre alla guida tecnica è stata cambiata quasi tutta la rosa?
“Sicuramente Pantaleo Corvino ha fatto un gran lavoro, perché è riuscito da una parte a cedere e dare respiro alle casse societarie, e dall’altra credo abbia costruito una squadra in grado di soddisfare le esigenze di una piazza come Firenze. Penso che anche quest’anno possa lottare per traguardi europei”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

11 commenti

  1. il depresso di Pontassieve

    Sulla VAR Non mi pronuncio , quel che posso dire è che ho paura alimenti diverse polemiche che si aggiungeranno a quelle che da sempre ci sono. Sul piazzamento della Fiorentina che auspica Paparesta sarà senz’altro tutto da vedere ma non credo che sia stata creata una squadra da Europa. Poi sai ..il pallone è tondo

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*