Questo sito contribuisce alla audience di

Parole d’ordine: cautela e pazienza

RossiRigoreTorinoMOENA – Già Montella l’aveva preannunciato nel post partita di sabato. In più ci si è messo anche il forfait all’allenamento pomeridiano di oggi che ha confermato la possibilità di un’assenza di Giuseppe Rossi anche nell’amichevole di domani contro il La Fiorita. Le ragioni sono comunque da far risalire al suo programma specifico di lavoro e non a nuove complicazioni, ma resta il fatto che la situazione relativa a Pepito rimane piuttosto delicata. Sicuramente da prendere con le molle. Sulla sua condizione fisica ne sono state dette di cotte e di crude, anche dal diretto interessato, e un’intera città si è divisa sull’opportunità o meno della sua chiamata al Mondiale. Dallo staff della Fiorentina traspare comunque tranquillità sull’affidabilità del giocatore ma prevale comunque cautela per quanto riguarda il suo impiego. Per il momento, molto probabilmente, ancora non lo vedremo in campo ma non è certo il caso di creare allarmismi: Pepito c’è ed ha una voglia matta di dare il suo contributo alla Fiorentina. E’ solo questione di tempo.

Foto: LF/Fiorentinanews.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

11 commenti

  1. Prandelli in conferenza stampa prima dei mondiali parlava di asimmetria tra gamba destra e sinistra nel caso di Rossi.
    E questo lo poneva a forte rischio ricadute.
    Domanda: Ma questa asimmetria è temporanea perché il giocatore non è guarito completamente o è permanente?
    Mi pare ci sia una bella differenza.
    Il famoso Barreto con uno strappo di 10 cm alla coscia subito anni fa non ha più giocato a buoni livelli.
    Sono infortuni diversi ma sono già passati 7 mesi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*