Questo sito contribuisce alla audience di

Pasqual preso d’assalto dai tifosi dell’Empoli. “E’ l’eroe del derby”

Strano il destino di alcuni calciatori. Fino a poco tempo fa Manuel Pasqual era una sorta di simbolo della Fiorentina targata Della Valle. Undici anni di militanza nel club viola, la fascia di capitano indossata. Poi c’è stato l’incontro del Franchi di una settimana esatta fa, lui per la prima volta da avversario in quello che è stato il suo stadio per lungo tempo, e il gol decisivo della partita siglato su rigore con la maglia dell’Empoli addosso. Ebbene ora Pasqual è diventato “l’eroe del derby”. E’ così che lo considerano i tifosi azzurri, specialmente quelli, tanti, che sono accorsi ieri pomeriggio in uno store dell’Empoli per farsi foto in compagnia del calciatore e per chiedergli un autografo. Due parole con i presenti, ma nessuna dichiarazione, per così dire, ufficiale. Quello che aveva da dire Pasqual sulla sfida con la Fiorentina, lo ha detto proprio sabato a fine partita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti

  1. Speranza….sicuramente se l’avresti salutato lui avrebbe ricambiato con un sorriso,un saluto come qualsiasi altro tifoso…..se l’avessi insultato sono convinto,visto che è un signore,un grande uomo,ti avrebbe fatto un sorriso e ti avrebbe risposto con eleganza come fa sempre.
    Il gol….e la non esultanza era per l’allenatore e i dirigenti viola non presenti in tribuna,sicuramente non per noi tifosi !!!

  2. Calciatorucolo che ha ricevuto ben più di quanto meritasse. La corsetta sotto al settorino di quei gobbetti di provincia è stata triste, non mette rabbia, solo tristezza perchè sapeva di ripicca inutile e di lecchinaggio di quei 4 gatti azzurobianconeri…, va beh, ognuno ha le proprie soddisfazioni. Non è certo tra i calciatori che saranno ricordati a Firenze. Magari lo ricorderanno ad Empoli…grande soddisfazione.

  3. L’ ho trovato al bar con la moglie…nemmeno guardato. Ha visto che ero tifosa viola , dal portafoglio , orologio , occhiali da sole , e portachiavi della Fiorentina….non ho voluto dirgli niente.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*