Sousa e le sue fisse. Ma si può cambiare qualcosa?

Sousa con il collaboratore Sem Moioli. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

Paulo Sousa pensa il calcio in un modo e perseguendo quell’idea sta allenando la Fiorentina. Il 3-4-2-1 ormai è conosciuto da tutti, sia in campo sia fuori, perché i viola giocano sempre così e con gli stessi uomini. Sembra proprio che Sousa si sia incaponito nel vedere la Fiorentina solo in un modulo e solo con determinati interpreti. Giusto proseguire sulla strada tracciata ormai mesi fa? O sarebbe meglio provare a dare una scossa a tutto l’ambiente con qualche cambio “radicale”? In panchina c’è un Babacar in grande forma che quando gioca segna, Sousa potrebbe ripartire da lui per costruire una Fiorentina diversa. Sono tanti i singoli sottotono in questa squadra e anche per questo, forse, sarebbe il caso di provare a cambiare qualche interprete, anche dei famosi titolarissimi, non sarebbe lesa maestà ma buon senso. Ora Sousa e la Fiorentina hanno due settimane per lavorare e decidere se e cosa cambiare, al timone c’è il portoghese e tocca a lui indirizzare al barca viola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

33 commenti

  1. E’ evidente che, alla luce di quanto visto fino ad ora, gli schemi di Sousa non funzionano bene.
    Ci vogliono novità tattiche ed essere più imprevedibili per non farsi stoppare ancora prima dell’inizio di ogni partita.
    Ormai tutti ci aspettano ben preparati e ci conoscono fin troppo bene…
    Un pò di fantasia!

  2. Non voglio fare il disfattista ma con Sousa di strada ne faremo poca.Pensavo lo cacciassero dopo la partita con la Roma perche’ prevedevo una sconfitta ma non e’ mai troppo tardi visto che c’e’ l’Atalanta alla prossima

  3. Richiamo cortesemente la direzione o moderazione a controllare le frasi di Drak..offese come fisso o grillo su persone che esprimono le proprie opinioni mi sembra eccessivo..grazie

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*