Paulo Sousa: “Pasqual è un professionista esemplare, ora ha recuperato e darà il suo contributo. Da allenatore vorrei vincere quanto da giocatore”

Paulo Sousa Modena

In conclusione Sousa parla soprattutto di Pasqual: “Sulla questione dei capitani ho sempre seguito la mia strada da quando ho cominciato ad allenare. La cosa più importante è il modo di essere, dentro e fuori dal campo, per cui ho sempre cercato di avere più di un interprete. Pasqual ha recuperato la sua intensità di gioco, sta lavorando bene, ha avuto qualche acciacco fisico ma ah sempre cercato di dare il suo. Lo ritengo un giocatore molto professionale e quando la squadra lo richiederà lui si farà trovare pronto. Alonso e Berna all’Europeo? I buoni risultati comportano anche la raggiunta di traguardi personali. Loro stanno facendo bene, hanno margini di crescita grande e spero che tutti e due avranno un futuro con noi, potendo avere anche la possibilità di giocare in nazionale. Le partite con le nazionali danno sempre un surplus di valore, che porta poi anche vantaggi al rendimento nei club. Al vertice fino a Natale? Noi abbiamo cominciato a lavorare con un’idea, cercando il continuo miglioramento per poter arrivare a traguardi importante. La conseguenza della qualità del lavoro comportano risultati e quindi fiducia. E la fiducia ci può far arrivar a traguardi importanti; io lavoro sempre con molta fiducia ma da solo non sono capace. E’ chiaro che servono componenti della squadra e dell’ambiente. Da allenatore ho l’obiettivo di vincere almeno quanto da calciatore”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*