Paulo Sousa: “Non mi pento di aver lasciato il Basilea per la Fiorentina. Nel gruppo abbiamo bisogno di tutti”

Conclusione da parte di Sousa con alcune considerazioni sul Basilea e la sua esperienza in Svizzera: “Le differenze ci son sempre culturalmente e questa è la gioia che la vita mi sta dando. La possibilità di avere interazioni con culture e persone diverse. In Italia sono stato ricevuto benissimo, quando uno riesce a capire cos’è il calcio, sappiamo che non possiamo piacere a tutti ma so che devo lavorare al meglio che posso. Pentito di aver lasciato Basilea? Non sono una persona che si pente ma che si vuole migliorare, sono molto contento per tutto quello che abbiamo fatto a Basilea dove abbiamo passato dei momenti bellissimi. E’ su questo che io vivo. Finale di Coppa persa prima dell’addio? Perdere è sempre una brutta esperienza per noi calciatori ed allenatori, specialmente in una finale. Cercammo la vittoria ma la partita non dette il risultato che speravamo, non fummo capaci dell’intensità necessaria ed il nostro avversario fu più bravo di noi. Atteggiamento di Poznan da ripetere? Spero di sì, di rivedere ancora una volta l’atteggiamento di Poznan, con l’unico pensiero che pervade la mia mente e quella dei miei giocatori, e che cerco di infondere in loro, che è quello di vincere. Fischer? Urs è sempre stato un allenatore che mi ha creato di difficoltà quando ho allenato in Svizzera. La società ha preso le sue decisioni perché ci crede e per questo ognuno ha il suo modo di pensare il calcio ma non amo fare i paragoni. Alcuni titolari intoccabili? Io come allenatore cerco sempre di migliorare i miei giocatori individualmente e collettivo. Poi ho dato un’idea di come cerco di rendere tutti importanti, dobbiamo quindi migliorare individualmente per poterci porre poi insieme sulla strada per il nostro obiettivo. E’ normale che anche quelli che voi ritenete più titolari di altri abbiano delle giornate no, domenica è successo ma poi siamo migliorati e potevamo vincere. D’altra parte ci sono anche gli avversari in campo ma abbiamo bisogno di tutti”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 Commento

  1. Perché mai dovrebbe essersi pentito?! Ma chi l’ha fatta questa stupidissima domanda?… Uno svizzero immagino…

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*