Paulo Sousa: “Per creare cultura vincente si deve giocare per vincere in tutte le competizioni. Berna è un esempio”

Paulo Sousa Milan

Prosegue l’allenatore della Fiorentina Sousa parlando dell’accoglienza e la scelta tra campionato e coppa: “Non possiamo avere una preferenza perché se noi ragioniamo con una cultura di vittoria, questa va alimenta vincendo. Non si può abbandonare questa idea. Certo che dobbiamo essere consapevoli di tutto quello che comporta, per questo cerchiamo di viaggiare pianificando tappa per tappa, calcolando la rotta, la benzina ed aggiustando la velocità durante la stagione. Uno si allena per vincere in ogni competizione. Accoglienza? Il più grande riconoscimento che come allenatore posso avere è prima di tutto dai miei giocatori, se sento che sono soddisfatti dal punto di vista tattico ma anche umano. Per questo non è che io aspetto niente, sono una persona chiara e poi ognuno deve fare le sue valutazioni. Impatto di Bernardeschi? Berna nasce come una mezza punta e abbiamo già lavorato su questo a inizio stagione. La bravura di Federico è stata quella di acquisire concetti tattici per migliorare il suo approccio al gioco ed il suo bagaglio. Sia da esterno che centralmente o in posizione offensiva lui sta acquisendo abilità e ne andrà a beneficiare a medio e lungo termine nella sua carriera. Mettendosi a disposizione in questo modo rappresenta un esempio e sono molto contento. Possibilità di fare calcoli? Non sono una persona che fa calcoli, sono uno che lavora intensamente per vincere ogni partita. Poi quando finisce la partita si fanno i conti”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti

  1. Il mister ha ragione, mentalità vincente significa puntare a vincere sempre. Crederci al massimo. Berna sta crescendo moltissimo ma non deve fermarsi.

  2. Ma certo che bisogna competere in tutti i tornei e in tutte le gare, Chi pone il dilemma o c’è o ci fa (i titoli dei giornalai sono spesso solo cavolate).Solo uno che si intende poco o nulla di calcio può rispondere con convinzione ad una simile domanda idiota. E infatti chi lo fa lo dimostra pienamente, Ventidue fortunati milionari pagati solo per divertirsi sarebbero stanchi se giocano in campionato e coppa. Ma figurati, poverini! Io manderei in campo sempre la formazione migliore, poi vediamo

  3. Nazione Toscana

    Sarà dura creare cultura del calcio con questi tifosi e giornalisti sportivi.
    Una gran parte di loro sono ex osannatori di un buffone napoletano, incapace di allenare la Fiorentina ed al quale non avrebbero mai rinunciato.

  4. Quanto mi piace….Grande!!!!

  5. Grande mister!!!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*