Paulo Sousa: “Prima chiudiamo il mercato è meglio è. Ho detto alla società cosa ci serve per essere competitivi”

L’allenatore della Fiorentina, Paulo Sousa, è felice per come la squadra ha concluso l’anno sul campo: “Non c’è niente di meglio che dare gli auguri alla nostra famiglia viola, con questa vittoria, con il nostro gioco. Abbiamo controllato molto bene una squadra che può mettere in difficoltà chiunque. Il nostro gioco richiede grandi energie mentali e la squadra spende tanto. Quindi non c’è niente di meglio che questo break e di stare assieme alla nostra seconda famiglia, perché la prima è quella viola che viviamo tutti i giorni. Sono molto contento perché i ragazzi meritano di chiudere nel miglior modo possibile. Quanto prima hai risolto il mercato, quanto meglio è per noi, perché possiamo essere concentrati solo sulle partite e non su altri argomenti. Poi hai anche più tempo a disposizione per integrare i nuovi innesti. Il miglior modo di competere lo si acquisisce all’interno della squadra. Poi bisogna valutare la nostra disponibilità economica e quello che offre il mercato. Tutti sanno quali sono le mie idee sui giocatori che abbiamo e su quei giocatori che ci servono per migliorare ed essere più competitivi. Non deve cambiare nulla, dal primo giorno dico che vogliamo essere coraggiosi, ambiziosi e senza limiti. I risultati che abbiamo fatto hanno alzato le aspettative e tutti noi dobbiamo fare qualcosa di più, io per primo. L’orgoglio dei tifosi è una spinta per farci dare di più e rimanere competitivi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

13 commenti

  1. supercannabilover

    Manca un giocatore per reparto, al momento Sousa ha fatto un ottimo lavoro ma per i miracoli non è ancora attrezzato

  2. Prima la squadra è completa e meglio è. Certamente, anche si dovesse fare, e si deve fare, tutto alla svelta, la società deve essere presente fino all’ultimo istante. La squadra comunque non pensi a queste cose, pensare solo al campo. Ora non sbagliamo il periodo natalizio e intendo anche a livello di alimentazione.

  3. Troppo divario economico è come correre una gara automobilistica con tre ruote al posto di quattro.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*