Paulo Sousa: un giramondo che ha trovato da poco il successo

Outsider vera e propria nella corsa alla successione di Montella sulla panchina viola, nel caso in cui l’allenatore campano decida di andarsene: Paulo Sousa ha anch’egli un ottimo passato da calciatore, anche in Italia. Da noi con le maglie di Inter, Juventus e Parma, nonché ex compagno in Nazionale di Manuel Rui Costa. Esperienza da tecnico invece più difficoltosa, con diverse avventure interrotte prima della conclusione e la prima vera soddisfazione raggiunta solamente nell’ultima stagione alla guida del Basilea. Prima il portoghese aveva allenato QPR, Swansea e Leicester, tutti in Championship (la Serie B inglese) e solo con il club gallese capace di arrivare a fine campionato. Quindi il trasferimento in Ungheria, al Videoton, portato per due volte consecutive al secondo posto, ed in Israele al Maccabi Tel Aviv. Infine il Basilea e finalmente il primo successo, per un allenatore sicuramente in crescita, giunto alla soglia dei 45 anni, ma ancora privo di esperienze prestigiose.

© RIPRODUZIONE RISERVATA