Questo sito contribuisce alla audience di

Pedullà: “Fiorentina vicina a Laxalt. I soldi impiegati saranno quelli di Emre Mor”

L’esperto di mercato Alfredo Pedullà ha parlato a Radio Bruno Toscana: “Laxalt? Siamo vicini all’accordo con il Genoa, la settimana appena iniziata potrà portare sviluppi importanti su questo fronte. L’offerta della Fiorentina è di tredici milioni di euro, nel calcio di oggi c’è la necessità di acquisire gli esterni e i prezzi quindi si alzano. La valutazione è in linea con le necessità del mercato. Il ragazzo voleva l’Inghilterra, ma Preziosi all’estero lo cede a venti milioni mentre in Italia a quindici. I soldi che la Fiorentina vuole investire sono quelli stabiliti per Emre MorKalinic? Il Milan non vuole sbagliare l’attaccante, se dopo Ferragosto i rossoneri non avranno chiuso niente si presenteranno dalla Fiorentina per prendere il croato. Strinic? C’è una proposta del Galatasaray che non lo soddisfa. E’ un buon giocatore”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

25 commenti

  1. con 8 milioni ci prendo Asamoah tutta la vita..

  2. PIOLI nel suo bologna prima di essere esonerato faceva il 4231 e Laxalt in quel bologna giocava da esterno sx alto, come verrebbe a fare qua, quindi come doveva fare mor.
    Non sarebbe male una fascia sx con laxalt alto ed un terzino decente al posto di maxi olivera.

  3. BERNI@
    Veretrout non è un trequartista……è un todocampista….ricopre tt i ruoli !
    grande acquisto !

  4. Laxalt è un esterno di sx , gioca anche come terzino, Chiesa è un ala di attacco dx , Jese ala sx , ejesseric un trequartista e dovrebbe stare teoricamente dietro a kalinic o simeone
    Il problema di Laxalt è che se prendi Jesè che è un ala di attacco sx, lo devi bloccare sulla sx a centrocampo , mentre spesso nel genoa lo facevano andare fino in fondo per poi crossare
    Poi ci sono i due centrali davanti alla difesa badelj e sanchez , veretout invece può giocare come centrale ma è un trequartista

  5. 4-2-3-1 con laxalt a sinistra , eysseric trequartista e chiesa a destra.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*